Tra Ricci e Capricci, il Vermicello di sua Maestà........

Domenica abbiamo trascorso con amici una bellissima giornata a mare, in pieno relax e con qualche sorpresa.
La sorpresa e’ quella di avere un amico Sub e non saperlo.
Maschera tubo e via, il mare ci ha donato dei meravigliosi ricci , padelle, padule, granchi e cozze.
Essendo troppo versatili “Noi”……. siamo passati subito dagli scogli alle padelle, dove il profumo del mare la fatta da padrona. Tra ricci e capricci di chi il riccio non piaceva , siamo rimasti tutti sulla stessa idea che a tuffarsi in quel magnifico trionfo di profumi, doveva essere il Vermicello n° 10 di sua maestà Emidio.
Il  n° 10 ha avuto l’onore di essere spadellato due volte, prima nel sughetto di padelle, padule, granchi e cozze, poi fatti i piatti ai capricciosi, abbiamo aggiunto nello stesso sugo quello con i ricci.
  Ingredienti:
800 gr.  Vermicelli n° 10
20 Ricci di Mare  
40 Padelle
20 Padule
Granchio
Cozze piccole di Scoglio
20 Pomodorini
Prezzzemolo


Quando stai fuori casa naturalmente non hai le comodità,sembra tutto più difficile , ma in realtà e’ un divertimento arrangiarsi sul disponibile.
In una larga padella abbiamo soffritto ahimè solo il prezzemolo, anche perché era tardi per comprare l’aglio, ho aggiunto i pomodorini tagliati a metà e ho fatto cuocere il tutto molto lentamente, aggiungendo poi padule, padelle cozze e granchio.
Terminata la cottura abbiamo lessato i Vermicelli, scolati al dente li abbiamo condito per i capricciosi, appena finito abbiamo catapultato tutto il condimento e la polpa dei ricci nella restante e abbondante pasta.
Un paio di capriole di tutto il composto in padella e abbiamo servito il tutto con del prezzemolo e poco pepe (facoltativo)

Sublime…………………………………….La foto giu' e' dell'estate  2010, stessa storia ma attori diversi, ne approfitto per salutare l'altro amico Sub Mario da Enna e famiglia........ ...

Share:

20 commenti

  1. Che meravigliosa bontà!
    Un trionfo di profumi, sapori e colori, dove immagino tutta la freschezza e e il sentore del mare.
    Cosa c'è di più bello che trascorrere una piacevole domenica in un clima di serena e piacevole compagnia?

    RispondiElimina
  2. Che rabbia che mi fai! Tu al mare a mangiare e cucinare 'ste meraviglie, noi a soffrire in quel forno di Firenze.... qua da noi è tremendo, Caronte ci sta uccidendo..... ciao Pasquale, quando passo da te mi riprendo sempre un po' di ottimismo.... e, che mare! Fai un tuffo anche per me, per favore. Mi raccomdando, il prossimo bagno devi pensare: questo è per la Sandra e basta..... aaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh!

    RispondiElimina
  3. che meraviglia il mare... questa ricetta è favolosa, complimenti

    RispondiElimina
  4. Uhhhhhh Pasquale!!!!Cosa ci proponi!!!!Un'autentica delizia!!!!!Io ADORO i piatti di pesce!!!e questo che ci proponi è sublime!!!!Anche il mio compagno è sub (ma sub vero cioè con bombole, muta etc etc;-))E' un istruttore e mi ha fatto conoscere le bellezze marine ancor piu da vicino..Certo papparsele...è ancora megliooooooooooo!!Complimenti davvero!!!!!Buon mare (se puoi) e buona settimana!!!

    RispondiElimina
  5. ADDIRITTURA SUA MAESTA'??? :-) Esagerato, e' il piatto che e' reale (nel senso del re...)!

    RispondiElimina
  6. Ciao Pasquale,
    Una ricetta perfetta, questa miscela di sapori .... hummmm!
    Le foto sono bellissime e allettante!

    buona settimana
    baci

    RispondiElimina
  7. Che belle foto...e che bella pasta...il profumo di mare arriva fino a qui.....
    Complimenti Pasquale!!!!!!!!!!
    Una ventate di festa perfetta per iniziare la settimana

    RispondiElimina
  8. Che spettacolo! Con degli ingrdienti così, l'attrezzatura passa in secondo piano ;-)

    RispondiElimina
  9. Da vecchio sub (solo apnea), posso aggiungere che fai rimanere.....senza fiato! A me non piacciono i ricci anche perchè non ho mai saputo distinguere quelli buoni da mangiare, per il resto....è tutto accattivante e genuino! Bravo Pasquale !

    RispondiElimina
  10. La prossima volta che fate queste pescate vi sarei molto riconoscente se mi invitaste!!!!!
    Troppo belli e troppo buoni per non provare.
    Bravissimo come sempre.
    Buona serata

    RispondiElimina
  11. Dal produttore al consumatore.....na' delizia!!!!!!!!!!!!! Bravo Pasquale, auguro a te ed alla tua bella famiglia di trascorrere una buona estate fatta di spensieratezza, sole, mare e gustose mangiate genuine

    RispondiElimina
  12. Pasqua'..questo è un "masto vermicello"!!
    Fortunato ad avere questa materia "prima" ma soprattutto bravissimo tu a cucinarlo!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  13. meravvigliosa una porzione per pranzo

    RispondiElimina
  14. Sento il profumo del mare...un piatto meraviglioso e peccato per i " capricciosi ", non sanno cosa si son persi!! Da buon napoletano adoro la pasta e vedere le tue preparazioni è una vera goduria!!! Sei grande.

    RispondiElimina
  15. una pasta che è il trionfo della cucina mediterranea

    RispondiElimina
  16. Pasquale, non ho parole, ogni foto è una di una golosità unica, il mare meraviglioso, quasi quasi mi trasferisco da te, grazie per essere venuto a trovarmi e per i complimenti, ma tu sei sicuramente più bravo, ti verrà senz'altro un colpo di genio per il contest di Atmosfera italiana. Un grande abbraccio e a presto.

    RispondiElimina
  17. ma che vedono i miei occhi?altro che trionfo,una meraviglia stratosferica:)

    RispondiElimina
  18. Pasquà, ti assicuro che l'assenza dell'aglio non si è notata affatto!!! E che te devo dì??? Mi hai lasciato a bocca aperta! Peccato che nella bocca non è arrivata una bella forchettata di questi mitici "numero 10"!!

    RispondiElimina