Insalata con Rughetta selvatica e cipolla di Tropea

Sbirciando nell'archivio fotografico, ho trovato la foto di  questa insalata che risale ad un anno fa ,  non avevo intenzione di pubblicarla per la sua estrema facilità................Mha!!!!!Dopo un anno ho cambiato idea e la posto per ringraziare la persona che raccolse questa favolosa rughetta.   Questa persona ha dato grande testimonianza di quanto la vita va difesa in qualsiasi circostanze, anche in quella più estrema.Purtroppo la forza sovrannaturale umana non può niente contro il mostro del secolo!!!!!!!!!

La rughetta selvatica non si trova in commercio, nasce spontanea  e nei luoghi incolti fino a 1000 metri sopra il livello del mare. La rughetta di questa insalata e' stata raccolta sul monte che porta al santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte a Maddaloni. Ho abbinato questa rughetta (che pizzica ) con la cipolla dolce di Tropea, un buon pomodorino del nostro campo,e del pana arrostito; il tutto condito con l'olio extravergine, quello buono e aceto.
Ingredienti:
Rughetta selvatica
Cipolla di Tropea
Pomodorini 
Pane arrostito tagliato a tocchetti
Olio extra vergine 
Sale
Procedimento:
Lavare la rughetta e lasciarla per un ora in acqua fredda, tagliare i pomodorini in 4 parti e la cipolla di Tropea.Condire il tutto con olio e sale , pochissimo aceto rosso e pane grigliato.

Share:

7 commenti

  1. E hai fatto più che bene a proporla! E' deliziosa, fresca e aromatica come non mai! <3 Da provare al più presto, complimenti :)

    RispondiElimina
  2. Nella sua semplicità,un'insalata davvero gustosa.
    Anche io ho avuto la fortuna di assaggiare questa rughetta e devo dire che ne ho una gran nostalgia;ricordo di averla anche mangiata semplice tra due fette di pane casareccio fresco. Magari uno di questi giorni si rifà quel percorso per andarne alla ricerca.
    Penso di aver intuito di quale mostro tu parli, e qui mi fermo senza parole, affidando al silenzio e alla preghiera le speranze e le preoccupazioni che tanti di noi portano dentro di sé.
    A presto

    RispondiElimina
  3. Le cose più semplici sono le più buone, peccato non conoscere sempre e bene i prodotti che madre natura ci offre.Al mercato la trovo qualche volta e la preparo con i pomodori: è ottima.
    A presto

    RispondiElimina
  4. Le cose semplici sono sempre le migliori.

    RispondiElimina
  5. Io amo la cipolla di Tropea, così come la rughetta piccantina selvatica. Hai fatto un'ottima insalata con l'aggiunta di quel pomodorino doc e dell'olio genuino. Spero di aver capito male l'introduzione... mi dispiacerebbe assai! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. bentornato Pasquale.... e nuovo look azzeccatissimo!

    RispondiElimina