Rucule ‘nfarinat e Fritt -Poesia Sott’ O Fuculare -

Ci sarebbe da scrivere una poesia su questo fritto che ha accompagnato i ricordi dei bambini di un passato non molto lontano, quando la nonna…. rint ‘o ruot, sott ‘o fucular, frijeva ‘e rucule  ‘nta farina…

Non si puo’ descrivere la sensazione di questa bonta’…
Pur con l’aiuto del web, sono state vane le mie ricerche nel trovare questo tipo di verdura; qualcosa di molto simile c’e’, ma non e’ quella che vedete in foto.
Beh! una ragione me la sono fatta, questa pianta  che non e’ in vendita in nessun supermercato, è possibile reperirla in quegli orti presso qualche vecchietto che si dedica a coltivazioni casarecce di ortaggi e quanto altro possa definirsi ancora genuino. E’ possibile che nel corso dei secoli essa abbia  subito mutazioni che ne hanno anche variato la sua struttura originaria, anche grazie ai giochi che la natura stessa pone in essere, malgrado la mano dell’uomo. Infatti , i più la confondono con la rucola o la ruchetta. Ma questa è un’altra storia, figlia della precedente.
Chiedi e ti sara' dato, Franco ha accolto il mio appello e mi ha inviato la Poesia che avevo invocato.

SOTT’O FUCULARE
Un ritorno al passato, non molto remoto, su un’infanzia vissuta con piacere. A rammentare, per averne ancora il ricordo vivo, la struggente bellezza di momenti  che non ti lasciano mai, tanto da lasciare tracce indelebili, anche nelle odierne quotidianità. Di questi ricordi, specialmente i sapori di quei tempi, non cessano di essere autentiche realtà legate a quelle genuinità di cui tanto si sente il bisogno…..Con le NOTE si dà anche la traduzione di qualche termine….non più in uso.
Una traduzione, inevitabilmente, provoca l’annullamento della rima. Ma, tant’è.

Nun è nu’ fattariell’e tiemp antiche,                                              Non è un fatterello dei tempi antichi,
ma ‘o vvero ‘e chella vita d’o passato,                                               ma la realtà di una vita trascorsa,  
che ll’uommene cchiù viecchie, cu’ ll’amiche,                      che gli uomini più anziani, c on gli amici,
arricordano, parlanne: t’è scurdato?                                               ricordano, parlando: ti sei scordato?

Pur’je, turnann’arreto cu’e pensieri,                                          Anch’io, tornando indietro coi pensieri,
all’ann ‘e quanno ero piccerillo,                                                          agli anni di quand’ero piccolino,
mo’ m’arricordo comm foss ‘aieri,                                                             or lo ricordo come fosse ieri,
cu poche pazziarelle e ‘nu vattillo.                                       con pochi giocattoli ma almeno un gattino.

Me steva ‘nzino comme foss’a mamma,                          Mi stava in grembo come se fossi la mamma,
‘o ccarezzavo c’a manella, e addora                                          lo accarezzavo con la manina, e l’odore
e, na frittura ‘e rucule c’a nzogna,                                                  di una frittura di ruculi con la sugna,
nun se fermava arint, jeva ‘a fora.                                                   non si fermava dentro, andava fuori.


A’ ggente a’llà ppe tuorno ‘a voce,                                                           La gente del vicinato la voce,
aizava comme stesseno cu’ nnuie,                                                       alzava come stesse insieme a noi,
ce’a date ‘na pezzella cu’ ‘na noce,                                                     ci date una frittella con una noce,
e nuie priamm’a Dio assiem’a vvuie?                                            e noi preghiamo Dio insieme a voi?

A tiana ‘ncopp’o trebbete vulleva,                                                           La pentola sul tripode bolliva,
cu ‘e stèlle che sparavano scintille,                                     con i pezzi di legna che sparavano scintille,
‘o ffuoco allèro, allèro che jardeva,                                                    il fuoco allegramente che ardeva,
pareva ca pur’isso ce traseva.                                                         sembrava che anche lui partecipava.


Accarezzava ‘o pignatiello ‘e creta,                                   (il fuoco)Accarezzava il pignatiello di creta,
chiìn’e fasule russe, chianu, chiano,                                                  pieno di fagioli rossi, piano, piano,
‘a vrasa ‘e chellu ffuoco, pur’addrèta,                                            la brace di quel fuoco, pure indietro,
reva calore comm’accarezza ‘a mano.                                        dava calore come accarezza una mano.

E na carezza vera, po’ ‘nt’o suonno,                                                  E una carezza vera, poi nel sonno,
cchiù fforte ‘e na’ jurnata ‘e fantasia,                                              più forte di una giornata di fantasia,
‘nt’e bbracce fort e ddoce ‘e nonna mia,                                           tra le braccia forti della nonna mia,
ca ‘nzieme a Dio, ce guard’all’atu munno                      che insieme a Dio, ci guarda dall’altro mondo.                                                                               di Franco Russo
                                                                                                                                                      

Stèlle= pezzi di legna spaccata, utilizzata per alimentare il fuoco sotto il “trebbeto”;
Trebbete= (tripode) manufatto metallico utilizzato per il pentolame in rame, molto usato tempo fa e ancora in voga, di varie misure  ed adatto all’uso che se ne deve fare;
Vrasa= brace.
NOTE della Traduzione.
RUCULI=  un tipo di verdura molto usata a quei tempi e ancor tutt’ora, un po simile alla rucola, ma non uguale.
PIGNATIELLO= un orcetto con due maniche, in creta, adatto a stare vicino alla brace del focherello, usato tutt’ora,      che dà una cottura costante, saporita e genuina a legumi e non solo.
Ingredienti: 
Ruculi  (simile alla rucola ma non uguale)
1/2  Farina "00" Molino Chiavazza
1/2 Farina di Semola Molino Chiavazza
Sale Gemma di Sale 
Olio per Frittura.(Na' Vot' a nzogna)
Procedimento: 
Selezionare dal ceppo grande i Ruculi centrali, lavarli in abbondante acqua per due tre volte e
Sbollentarli per 5-6 minuti in abbondante acqua salata,Scolarli in una scolapasta e lasciarli per una 30 minuti in modo che si asciughino bene.
Infarinare i Ruculi nella farina e friggerli in abbondante olio.  
Fritto unico nel sapore, consiglio di accompagnarlo con pane fresco e un bel bicchiere di Rosso.
B   U   O   N       A   P   P   E   T   I   T   O

Share:

48 commenti

  1. Che splendida poesia....che dolce ricordo per accompagnare uno straordinario fritto...che mi piace!!!!!! Essenziale e profondo ....sempre straordinario!!!!!!!!
    COMPLIMENTI PASQUALE!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Renata bisogna dare una scossa ai giovani e fargli capire che la Strada e' la cucina della Tradizione.
      A presto

      Elimina
  2. Pasquale...GRAZIEEEEEEE!!!!!mi emozioni sempre con i tuoi post onorande le mie radici partenopee!!!Ma....non conosco questa verdura!!Devo chiedere ai miei genitori!!!Dev'essere una delizia incredibile!!!Ma o si utilizza QUELLA verdura o nulla..credo che sia un po' come i friarielli, non sono come le cime di rapa ed è impossibile tentare di paragonarli ad essi. Appena riesco a scendere in Camapnia ne andrò alla ricerca:-)Intanto ti auguro un'ottima giornata piena di sole!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa Verdura e' una delizia per il palato, giusta la tua osservazione, e friarielli non sono assolutamente le cime di rape.Vi aspetto con piacere.
      A presto

      Elimina
  3. grande, pasquale! mi hai fatto venire la pelle d'oca, anche perchè il mio papà questo tipo di "vruoccoli" li pianta ancora nella sua ridente campagna! ah, la nostra terra! quanto mi manca! grazie per questa bella condivisione e la prox volta che mi arriva il pacco con queste bontà li provo, anche se senza focolare!!!!
    buona giornata
    spery

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te Spery W la nostra terra che ci riesce a dare ingredienti eccellenti.
      buna giornata

      Elimina
  4. che meraviglia.. molto originali

    RispondiElimina
  5. ma non è che parli de papagni??? li conosci?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco i papagni che e' una verdura del beneventano, questa gioppa e' diversa appartiene alla famiglia della rucola e’ possibile che nel corso dei secoli essa abbia subito mutazioni che ne hanno anche variato la sua struttura rendendola per me UNICA.
      Grazie e a presto

      Elimina
    2. Gentilissima Gioppa, si inserisce l'autore della poesia, che al di là della passione letteraria, sicuramente figlia di studi umanistici, è anche figlio di questa terra, nel senso più agricolo possibile, per averla coltivata ed....amata (tutt'ora). Non so se nel beneventano, come dice Pasquale, ci possa essere un'erba denominata così, ma qui, dalle nostre parti "i papagni" sono i papaveri che crescono, non solo nel grano. Come verdura è possibile utilizzarla (foglie verdi e petali rossi) in cucina, ma con molta attenzione, perchè nella corolla centrale vi sono tanti piccolissimi semi neri considerati efficace stupefacente, quindi pericolosi! Per questo motivo non è stata mai apprezzata come verdura da utilizzare in cucina, proprio per la timorosità legata a quella realtà.Per "il rucolo" di cui parlas Pasqaule, si è fortunati se al momento si trova ancora qualcosa nell'orto, perchè a causa del calore, esso esplode nella sua fioritura e quindi ne indurisce la struttura fino diventare incommestibile.

      Elimina
    3. Onestamente non so se i papagni di cui ho memoria siano i papaveri. Noi li raccoglievamo selvatici nei campi, non ricordo corolle ma solo parti verdi. E sono buoni ma così buoni fritti col peperoncino...poi magari ci si sballava un po' :))) e si dava la colpa al vino rosso ??? :)) non saprei! baci

      Elimina
    4. Cara Gioppa, non pensarmi come quello che ha la risposta ad ogni cosa....I papagni sono selvatici eccome. Voi nelle vostre escursioni (penso tra maggio e giugno)li trovavate allo stato più rigoglioso e fresco, quindi la corolla di cui è stato cenno in precedenza non era così sviluppata come nella sua maturità, quindi poco appariscente. Tuttavia i suoi semini erano embrionali, ma esistenti, onde per cui, avendo voi usato tutto, proprio perchè teneri, inevitabilmente, ne avete assorbito tutti gli aspetti fisio-chimici contenuti. Da lì quello stato euforico di cui parli. Il fatto che lo racconti poi, sta a dimostrare che tutto è andato bene...allora! Il "rucolo", come ho anche scritto più avanti, ora è introvabile per colpe naturali.... Non ha a che fare, ne è parente del "papagno". Ti auguro ogni bene!

      Elimina
  6. Sono un distratto per natura, nel Post non avevo firmato la Poesia che e' di Franco Russo, Bhe' ho rimediato aggiungendo la firma e mi scuso con Franco per la distrazione.

    RispondiElimina
  7. cosa c'è di più bello che onorare le proprie radici......Che siano in musica,in poesia o in cucina,sono sempre e comunque emozioni......Bravo tu che le riscopri dando a noi un pò del tuo cuore.....

    RispondiElimina
  8. una delizia questa verdura,assolutamente da preparare quanto prima:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verdura in via di estinzione, chissa' per quanto tempo ancora avremo la fortuna di portarla a tavola.Grazie Tina

      Elimina
  9. Bravissimo, splendido post, c'è sempre da imparare!!!

    RispondiElimina
  10. Pasquale e Franco stanno diventando una coppia che sa regalare emozioni. Fosse anche un ricordo di una ricetta di quando eravamo bambini... ma che bello! Sarà che sono una sentimentalona, ma a me questi ricordi, questi racconti mi riempiono di serenità! Ben venga anche la ricetta, naturalmente!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elly io e Franco siamo dello stesso paese, ci siamo conosciuti sul web e poi abbiamo preso un bel caffe' insieme confrontando le nostre idee che stiamo appunto mettendo in pratica.
      Franco e una gran bella Persona, con Spirito giusto e Battagliero.
      Grazie Elly

      Elimina
  11. Grande ricetta e circondata da bei ricordi ancora migliori.
    Complimenti per il post e la ricetta che amo le verdure!
    baci ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Andrea che dal lontano Brasile condividi con Noi ricette ed emozioni.
      A presto

      Elimina
  12. Carissimi Pasquale e Franco io questi rucule nfarinat e fritt non li ricordo proprio ne tanto meno ricordo che qualcuno me ne abbia parlato:questo mi dispiace perché fanno parte di una tradizione che mi è molto cara e che ogni tanto anche io cerco di ripercorrere attraverso qualche piatto che si sta ormai dimenticando.
    Anche stavolta la poesia ha una frase in particolare che mi ha molto colpita:nel sonno...tra le braccia forti della nonna mia.E ovviamente mi ha toccata perché per me non c'era momento più dolce e coccoloso che tuffarmi in quelle enormi e accoglienti braccia che mi davano tanta sicurezza e tanta fiducia di essere amata incondizionatamente.Grazie per la profondità dei valori e dei sentimenti che state trasmettendo.A presto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Antonietta, le poesie dialettali vanno lette in dialetto. Le traduzioni lasciamole a chi non lo capisce e quindi non ne intende il senso. Nel dialetto, invece, c'è una metrica ed un ritmo, cosa che, te ne sarai accorta, non c'è più nella traduzione. Non è un rimprovero, questo, credimi. ma è comm'e rucule.....che al momento non si trovano più per colpa ....del sole. Strano eh! Ciò che li alimenta, li porta alla morte. L'anno prossimo, ti prometto di non fartene mancare! E ti insegnerò a fare "le pezzelle di rucoli". La ricetta di Pasquale è stata una forma sperimentale...ben riuscita. Del resto Pasquale, con l'impegno che ci mette, tende sempre alla creatività. E fa bene, come fai tu! Di te ho letto tutto ciò che c'era da leggere in termini gastronomici. Brava!

      Elimina
    2. Grazie Antonietta del tuo bel commento e del post dedicatomi.Mi piace sottolineare l'amore per le nonne, anche la mia Amata nonna era lo stesso e la poesia di Franco ci fa rivivere quei bei momenti passati vicino al camino.Non potro' mai dimenticare l'estrazione dei pinoli dalle pigne e dal profumo che essa emanavano....Ahhh Bei Tempi...
      Ora tocca a noi insegnare ai Nostri Figli quei Valori!!!

      Elimina
  13. Ma che buona questa verdura fritta!!!!

    RispondiElimina
  14. ma che meraviglia lo sai io non conoscevo questo tipo di verdura ma sicuramente sara' fantastica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giovanna e' davvero Fantastica e Unica.
      Grazie e a presto

      Elimina
  15. nemmeno io conoscevo ricceta e verdura...avrei voglia di provarle..ma se come dici
    è difficile trovarla...dovro' accontentarmi di sapere dalla tua bocca della
    loro bonta'...Grazie Pasquale ..i tuoi post sono sempre interessanti!!
    ciaooo

    RispondiElimina
  16. Questo fritto deve essere veramente particolare!grazie per aver condiviso questa ricetta, come dici tu la nostra base deve essere la nostra tradizione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. senza le tradizioni si spezza la catena della Vita.
      A presto Chicca

      Elimina
  17. Misericordia che bellezza!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sandra, ci sara' di sicuro una sorpresa al tuo Contest.
      A presto

      Elimina
  18. Un bellissimo ricordo, pieno di tenerezza, grazie per avercelo raccontato, a presto

    RispondiElimina
  19. bellissima ricetta...complimenti! :) Notte! A presto..Anna

    RispondiElimina
  20. Che spettacolo!!! Da appassionata di verdura, ti dico che mi piacerebbe da impazzire poter gustare un piatto così!!!!
    Sempre bello passare da te!!!!
    Un abbraccio!!!!

    RispondiElimina
  21. Le tue ricette sono nutrimento per lo stomaco e per l'anima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo e completo il tuo commento .
      Gtazie

      Elimina
  22. Mi sembrava di conoscerla.... Un saluto e un abbraccio a Franco.

    RispondiElimina
  23. Scusate se m'intrometto da non Campana, ma dalle foto di questa verdurina mi sorge un sospetto: fossero quelli che altrove si chiamano "raperonzoli"? Mi piacerebbe che lo fossero, cosi' potrei provare questa bella ricetta cosi' piena di profumi e di affetti... Qualcuno sa rispondermi? Grazie e complimenti per il blog. CLARA

    RispondiElimina