Il Fagiolo della Regina Maria Teresa.

Aspettando l'elaborazione del post Sorpresa, vi presento un fagiolo UNICO.
La terra di San Lupo, piccolo paese di 850 abitanti a 25 km da Benevento, certe vecchie tradizioni , per fortuna, non muoiono mai. Ormai avevo perso la speranza di trovare questo tipo di fagiolo, che aveva suscitato in me tanta curiosità, da farne poi anche una scheda sul portale Gente del Fud "Fagiolo della Regina".Ah la speranza si dice sempre e' l'ultima a morire, e quando si trova con me difficilmente muore, lo dico spesso che avere la "capa tosta "e' un pregio.
La terra di San Lupo e' famoso per la pietra e per l'olio, parlando con un produttore di Olio Extravergine di Oliva, chiedevo informazioni di questo fagiolo e come fosse possibile trovarlo, inoltre gli spiegavo tutta la stroria di questo fagiolo.
Il Sig. Orsini apprezzo' il mio discorso che elogiava la sua Terra e questo fagiolo che a me era sconosciuto,  apri un cassetto e mi regalo una bustina di fagioli avuti da l'unico contadino privato  che li produce  in questa terra.
La mia ricerca finisce nei migliori dei modi, ho potuto assaggiare questo tipo di fagiolo, unico, delicato soffice, una Delizia, la regina Maria Teresa comunque aveva buon gusto.
Fagioli Cotti sott' O' Fuculare e dentro al Pignatiello", condito dall'Olio Extra Vergine della Terra di San Lupo.
Il nome di questo fagiolo, esclusiva della terra di San Lupo (BN), deriva la sua origine da un fatto storico che si riallaccia alla figura del cavaliere Achille Jacobelli, noto personaggio di questo paese di metà Ottocento. Jacobelli frequentava la corte del re Federico II di Borbone e godeva della stima e della familiarità sua e della regina Maria Teresa. Il cavaliere, un giorno, portò a corte un sacchetto di fagioli che donò alla Regina, pregandola di assaggiarli. Il giorno seguente, la regina convocò Jacobelli per ringraziarlo avendo trovato quei fagioli buonissimi. Inoltre, gli chiese di conoscere il nome di quei deliziosi legumi; il cavaliere di rimando le rispose: “Maestà, da oggi in poi, questi fagioli, in vostro onore, saranno chiamati Fagioli della Regina”.
Questa particolare fagiolo è, sicuramente, una varietà locale molto antica, che si è conservata inalterata fino ai giorni nostri, produttori di questi fagioli solo : fa fede di ciò, soprattutto, la tipologia di crescita, sviluppo e maturazione, che non ha subito alcun miglioramento selettivo ad opera dell’uomo in tempi recenti. Infatti, i fusti del fagiolo della regina si sviluppano in altezza in maniera consistente rispetto alle normali cultivar e necessitano di una rilevante quantità d’acqua, senza la quale non possono giungere a maturazione. Infine, non avendo avuto un processo selettivo finalizzato ad una maggiore resistenza e produttività della varietà, il fagiolo della Regina è facilmente soggetto all’attacco di parassiti ed insetti, che ne riducono, consistentemente, la produzione. Ciò non di meno, possiede ottime qualità nutritive, un’alta digeribilità e una morbidezza e dolcezza uniche.Il periodo di semina copre l’arco temporale tra il mese di giugno e gli inizi del mese di agosto, la fioritura ha inizio dopo almeno venti giorni dalla nascita. Dopo l’impollinazione, entro 2 – 3 giorni, cadono i petali e inizia la crescita del baccello. Questa pianta attecchisce esclusivamente nel territorio di San Lupo (si trovano piccole coltivazioni ad uso domestico diffuse sul territorio collinare sannita) che possiede delle particolari caratteristiche climatiche e del suolo (temperatura, umidità, qualità delle acque, struttura del terreno) ad essa favorevoli.L’altitudine che caratterizza il territorio collinare sannita sui 500 m s.l.m. permette di parlare di tipicità di questo prodotto e di riconoscere sicuramente San Lupo come capofila.

Share:

19 commenti

  1. Buongiorno Pasquale
    Passare da te è sempre più bello!!!!!!Ogni volta ...mi si apre un mondo di colori, tradizioni e storia che ha dell'incredibile...GRAZIE MILLE!!!!!!Grazie veramente per la passione e la determinazione...e per l'amore che ci metti!!!!!Si vede tutto
    Buon Martedì e a presto!!!!!

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Ma sei un'enciclopedia vivente!!!

    RispondiElimina
  4. Il fagiolo meraviglioso, mi immagino come deve essere buono cotto come dici tu "sott' O' Fuculare e dentro al Pignatiello" e conditi con un bell'olio extra vergine: mamma mia che bello mangiarli tutti insieme in compagnia!!!!

    RispondiElimina
  5. ciao Pasquale
    questo post è una poesia..mi piace leggere di antiche tradizioni e di prodotti di nicchia!! peccato non poter assaporare anche noi questo fagiolo dai colori rosati! Mi ricordano quelli che ho assaporato tempo fa, coltivati in quel di Panni un paesino del subappenino Dauno, anche loro pressocchè scomparsi!
    grazie per queste notizie !!
    a presto

    RispondiElimina
  6. Un altro " gioiello " della nostra terra che rischia di essere dimenticato!Posso solo complimentrami per il tuo impegno e la tua passione!

    RispondiElimina
  7. ma che bel posto....meraviglioso!!
    Buona giornata!!! :)

    RispondiElimina
  8. Ehi Pasqualeeeeee!! Mi fai trovare questa bella visione stamattina!!Ebbene: a San Lupo ci sono stata!!!!!è un posto incantevole!!!!ricordo pieno di gatti (io li adoro) non volevo piu andar via!!!Ed immagino questi fagioli nel pignatiellooooooo!!!!Che storia...che musica in cucina!!!Le cose vere, della nostra bell'Italia, indivisibile, unita da persone come te che fanno rivivere le tradizioni mai scomparse. Un bacio

    RispondiElimina
  9. bellissimo post,non conoscevo questo fagiolo,grazie e buona giornata!!!!

    RispondiElimina
  10. ma così mi convinci a cucinare i primi fagioli della mia vita!!!

    ciao
    roberta

    RispondiElimina
  11. Pasquale si Gruoss,
    meno male che c'è gente come noi che ten a capa tost.
    a presto carissimo amico Foodblogger.

    p.s. ho visto le foto dell'incontro con Antonietta Mitici.
    saluti Guerino

    RispondiElimina
  12. che bel post con tante utili informazioni, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  13. L'ho detto che dovremmo incontrarci per assaggi guidati nelle specialità italiane quasi introvabili! Buona festa a presto

    RispondiElimina
  14. Grazie Pasquale...sei una fonte inesauribile di notizie sulla ns terra
    e non sai quanto abbia piacere a conoscerle..continua cosi'!!
    un abbraccio!!

    RispondiElimina
  15. Pasquale, ne scovi sempre una di tradizione! Questa mi piace, come mi piacciono tanto i fagioli! Un abbraccio e a presto... per la Sorpresa!

    RispondiElimina
  16. una storia molto affascianante la cultura che un luogo che si esprime anche attraverso i prodotti del territorio

    RispondiElimina
  17. Ciao cara sulla mia bacheca c'è una sorpresa per te!

    RispondiElimina
  18. Ciao cara!
    Un piatto delizioso, una ricetta ricca e gustosa!
    baci

    RispondiElimina