Funghi di pioppo col pomodoro per..L'Italia nel Piatto!

Il tema del mese di ottobre per la rubrica L'Italia ne piatto è Autunno in Tavola. L'autunno segna il passaggio da una cucina fresca e leggera dell'estate , ad una più calda e incisiva come quella dell'autunno; in questo periodo la terra prodotti unici e dal sapore inconfondibile. Uno di questi prodotti sono i funghi, tema dell'Autunno in Tavola della Campania.
Sarebbe superfluo parlare di funghi porcini, perchè quelli raccolti nelle zone alte di terra di Lavoro, da Roccamonfina al Matese,comunque si preparano sono squisiti.La ricetta di oggi ha per ingrediente il fungo di pioppo , fungo di pianura, una volta più frequente perchè il pioppo era un albero molto diffuso in quanto ad esso era poggiata la vite a spalliera (uva fragola),la cui coltivazione oggi si è ridotta.
Oggi questo tipo di fungo viene anche coltivato utilizzando semplicemente dei tronchi di pioppo che si tengono  costantemente in luoghi umidi.Il fungo di pioppo ha un profumo caratteristico che si sente da lontano ed ha un sapore secco e intenso.

Ingredienti:
1 Kg funghi di pioppo
5 pomodori san maturi
olio extra vergine di oliva
due spicchi d'aglio
sale 
Basilico
pepe

Procedimento:
Ho pulito i funghi, raschiandoli se necessario la base.Li ho lavati  sgocciolati e tagliati ciascun fungo in due o piu' parti nel senso dell'altezza.In una padella ho messo l'olio extra vergine di oliva e l'aglio, l'ho messi sul fornello caffè a fuoco lentissimo .Dopo 15 minuti l'olio risultava ben caldo e l'aglio ha appena incominciato a soffriggere, ho aggiunto i funghi e li ho lasciati cuocere per 7-10 minuti sempre a fuoco lentissimo.Ho tolto i funghi dalla padella lasciando in questa l'olio di fondo.
Ho spellato i pomodori che ho sbollentato in precedenza e li ho fatti cuocere per pochi minuti nella padella con il fondo di olio dove sono stati fatti cuocere i funghi.Ho unito i i funghi , il sale , il pepe, ho mescolato tutto e ho impiattato guarnendo con del trito di basilico fresco.
Questi funghi in tempi non lontani facevano da companatico ed era il pasto dei  contadini di Terra di Lavoro, nelle lunghe giornate nei campi.Venivano adagiati nel "cuzztiello del pane cafone" (che sarebbe il primo taglio del pane avente la forma di una barchetta ) e tappati con la mollica che era stata rimossa.(farò un bel post su questo termine molto simpatico e comune nella mia terra)
Tornando ad oggi ho sostituito il cuzztiello con i paccheri. 
L'unica differenza con la ricetta sopra è  solo il taglio dei funghi che in questo caso vengono tagliati a striscioline.

Share:

24 commenti

  1. Una ricetta strepitosa che deve essere buonissima!!! Complimenti Pasquale per questa delizia campana :-) Ti auguro un buon weekend, un abbraccio e perdona se ti ho nominato su face :-) ma ho pensato ad un intoppo nel programmato :-)

    RispondiElimina
  2. Che spettacolo, anche qui da te due idee magnifiche per rendere onore alla nostra cucina regionale ed ai prodotti dell'autunno! complimenti

    RispondiElimina
  3. Oh Pasquale, che valanga di ricordi si è scatenata in me!
    Da piccola mi arrampicavo sul nostro pioppo,e quando arrivavo su mi sembrava di guardare un'immensa distesa che si perdeva nell'orizzonte
    Che odore confortante, che sapeva di genuinità e schiettezza
    Poi arrivati a casa mia madre li preparava uguali come li hai fatti tu ed erano il condimento per gli spaghetti e il secondo per mio padre, dove lui ci inzuppava tanto, ma davvero tanto pane
    E questa scena oggi mi manca da morire.....................

    RispondiElimina
  4. ottimi!!! certo sul cuzzetiello di pane sono una favola :D

    RispondiElimina
  5. che belli i piopparelli... io li chiamo così...davvero ottimi...voglio un crostino per assaggiarli!!! Bacione e complimenti!

    RispondiElimina
  6. eh pasquà!! si nu mit! mamma mia che bon! e come si dice a Pescara scin ka scine ma ka scine en tutt no! mamma mia che bontà! sci è bon e propr bon! (credo che lo capisci...il pescarese ha delle parole in comune con il napoletano :) anche se meno stretto) <3

    RispondiElimina
  7. Uhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh, ecco..mi manca questo piatto, avessi rappresentato io la Campania chissà cosa avrei proposto ma..per fortuna ci sei tu e questa delizia non mi/ci è sfuggita!!Un bacione

    RispondiElimina
  8. Deve essere buona questa ricetta dei funghi con il pomodoro.

    RispondiElimina
  9. buonissimi mangiati così come contorno, ma come condimento ai paccheri sono divini, a prestro

    RispondiElimina
  10. Con i funghi non si sbaglia mai... e fanno davvero tanto autunno. Credo che, insieme alla zucca gialla, siano tra i prodotti che più mi fanno pensare all'autunno, e questo era proprio lo scopo di questo appuntamento della cucina regionale, che hai centrato in pieno.
    E' sempre un piacere passare da te.
    Che ne dici di fare un pensierino per il nostro contest? ;-)
    A presto.

    RispondiElimina
  11. Certo che con i vostri pomodori qualsiasi sugo viene meraviglioso, questi funghi non li conosco bene, sarebbero da provare...

    RispondiElimina
  12. Bravissimo, due bellissime proposte!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. anch'io mangio il cozzetiello di pane farcito col sugo o con i nostri deliziosi contorni, lo proverò con i funghi!

    RispondiElimina
  14. Bellissime ricette Pasquale. Pensa che qui in Liguria questi funghi sono ignorati dai mercati! Puoi mangiarli solo se te li vai a cercare.... un abbraccio grande a presto

    RispondiElimina
  15. ciao Pasquale... il profumo di questo piatto è troppo invitante! sarei davvero curiosa di assaggiare i funghi di pioppo!
    apprezzo molto la tua cucina...così ricca di sapore e colori!
    un abbraccio


    RispondiElimina
  16. Quei funghi sono un ricordo della mia infanzia, avevamo un caro amico di famiglia che ce li portava sempre e,mia nonna, li preparava proprio con il pomodoro.
    Naturalmente non ricordo la sua ricetta, ma apprezzo moltissimo la tua, anche come condimento ad un bel piatto di pasta!

    Stupenda!

    buona settimana

    loredana

    RispondiElimina
  17. Non so più quante volte ti ho detto che adoro il tuo blog proprio per la tradizione popolare che riesce a sprigionare e sapevo per certo di non restare delusa neanche oggi. Un gran piatto!! I contadini si sono sempre trattati bene, alla fine! La storia del pane mi ha fatto venire in mente gli operai di Roma e provincia... Aperta la pagnotta si facevano tante buchette togliendo la mollica. Quello era il piatto... In uno il primo, in un altro il secondo, e poi l'altro il contorno. Andava molto l'inverno la pastasciutta e i broccoletti con le salsicce. A mezzogiorno in punto... non un minuto di più!! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  18. un piatto semplice ma buonissimo! e poi diciamoci la verità, i funghi sono sempre deliziosi ;)

    RispondiElimina
  19. Passare da te significa riscoprire i profumi di un tempo, oggi in parte dimenticati dalla frenesia della vita quotidiana. Anche io li preparo così, sono gustosissimi!
    Alla prossima ricetta

    RispondiElimina
  20. proprio buoni i tuoi funghi di pioppo al pomodoro!
    A presto!
    Giusy

    RispondiElimina
  21. ... un piatto semplice ma dal gusto particolare .... Mi sembra di sentire l'odore ... :)

    RispondiElimina
  22. mai mangiati, ma i funghi li adoro, li devo cercare...un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  23. Nelle Marche questi funghi si chiamano piopparelli e mia nonna li preparava sempre con il sugo di pomodoro. Purtroppo oggi questo rimane solo un bel ricordo ... grazie per avermelo fatto rivivere. Ottima ricetta

    RispondiElimina
  24. ma che buoni i funghi fatti cosi!!!!!
    Li adoro, i contadini la sapevano lunga però. Piatti deliziosi ed economici! Una scelta eccellente Pasquà!!
    Un abbraccio :D

    RispondiElimina