Ziti tagliati con bocconcini di maiale nero casertano

Solitamente il food blogger scrive, pubblica e condivide la sua passione che vive nella propria cucina; raramente lui esce da questa per far assaggiare le sue creazioni a un pubblico di appassionati più vasto;raramente lo si vede all’opera con grembiule e “mani in pasta”; raramente viene preso in considerazione come un esperto a cui affidare un grande evento.

Tutto questo è accaduto a un piccolo gruppo di food blogger, in una piccola cittadina della provincia di Caserta, Valle di Maddaloni. Zona votata per la coltivazione della Mela Annurca, una IGP che è il vanto di queste terre, che ha incontrato il Maiale Nero Casertano, una razza autoctona di questo territorio, che vive allo stato brado e che rischia l’estinzione causata dall’omologazione imposta dal mercato.
Questo il tema del  convegno, promosso dall'associazione Saperi e Sapori, a cui è seguita la degustazione di piatti preparati con questi ingredienti.
Piatti che ho ideato ed eseguito insieme ad Antonietta e Valeria
amiche food blogger Campane con altri tre cari amici arrivati per sostenerci ma che poi si sono integrati perfettamente ai nostri ritmi, tanto da sentirli indispensabili per la perfetta riuscita della serata.

Un esperienza che, seppure faticosa, ci ha lasciato la soddisfazione di aver ben eseguito il nostro lavoro e che ha incontrato il gradimento di un pubblico, composto da 250 persone, attento ed esigente, il quale molte volte ha anche chiesto di fare il bis.

Altri grandi prodotti sono stati presenti in questo show di eccellenze: 

La nostra prima ricetta ha un’impronta classica, ma rinnovata e studiata per l’occasione.Riporto, ovviamente, le dosi  a dimensione familiare
Ingredienti
500g di ziti di Gragnano
350g di polpa di Maiale Nero Casertano
2 barattoli di pomodorini datterini
½ cipolla dorata di Montoro
50 g di Provolone del Monaco dop
45 g di olio extravergine d’oliva
15 foglie di basilico
Sale

Preparazione
Tagliare la polpa di maiale a tocchetti di ½ centimetro quadrato, rosolarla in un tegame di rame con olio e cipolla per 5 minuti, aggiungere i pomodorini, salare e lasciar cuocere per mezz’ora.
A parte in una pentola con abbondante acqua cuocere gli ziti, scolandoli due minuti prima rispetto il tempo riportato sulla confezione, versarli nel tegame con il sugo, mantecare per un minuto e spegnere. Aggiungere il Provolone grattugiato e il basilico frullato insieme a un po’ di olio. Mantecare ancora e servire subito, magari spolverando con altro formaggio.
Note finali: il segreto di questo piatto è la qualità degli ingredienti; senza lesinare, devono essere eccellenti! Se si usano ingredienti di scarsa qualità non potete avere le stesse emozioni sensoriali che abbiamo vissuto durante questa magica e intensa serata.

Share:

21 commenti

  1. mhhhhhhh....che delizia!!!! sempre unico Pasquale!!!!

    RispondiElimina
  2. Vi dovete vergonagnare a postare certe delizie!!!! Che bello Pasquale, cucinare tutti insieme in allegria!!!

    RispondiElimina
  3. Ciao Pasquale,
    questa vostra avventura mi fa felice, come foodblogger sono contento per voi,
    vedere realizzare i propri sogni è bello e la passioni vere portano sempre ad ottimi risultati.
    Ciao Guerino

    RispondiElimina
  4. Anche qui oltre che su facebook va il mio plauso a te e le tue colleghe!!!!La vostra serata meravigliosa dimostra che sei un VERO foodblogger!!!!uno che i piatti li crea per davvero e con maestria!!!!!Beati i fortunati che hanno degustato le vostre prelibatezze!!!!!!(so che erano spettacolariiiii, un uccellino me l'ha detto!!) e non poteva che essere cosi!!!!!COMPLIMENTIIIIII DI CUORE!

    RispondiElimina
  5. In questo magnifico evento ho avuto il piacere di conoscere la Sig.ra Rita Festa, poi racconterò tutto in un altro post.
    Beh amici dietro alla persona si nasconde oltre che una persona eccezionale e buona, anche un artista di grande spessore.

    Nel link sotto potete visionare un video con Rita Festa.....
    http://www.youtube.com/watch?v=WWkZwUoYqac

    Ciao Rita contentissimo di averti conosciuto a presto.

    RispondiElimina
  6. ma che gioia per gli occhi!!! peccato non poter gustare anche con le papille...

    RispondiElimina
  7. Ebbene si, ero tra i fortunati di quella spendida e gustosissima serata,atta a promuovere l'eccellenza dei prodotti campani (e ne abbiamo tantissimi ancora da valorizzare!)che,grazie a te e all'impegno di persone qualificate nel settore,sono certa avranno una maggiore eco finalmente!!
    Che dire di te Pasquale..... sei una persona genuina,altruista,generosa,(oltre che uno chef a 5 stelle)e lo hai dimostrato proprio quella sera,insieme agli amici avete dato l'anima......Sono onorata di averti conosciuto.
    ALLA PROSSIMA. ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rita mi intrufolo per dirti che sei stata una meteora indimenticabile anche per me;di quel bacio affettuoso che mi hai dato ne serbo ancora indelebile il ricordo.
      Grazie e, spero, a presto!

      Elimina
    2. Troppo generosa Rita, l'onore e tutto mio, quando ti trovi dalle mie parti sei invitata a casa per un caffè e per farti conoscere la mia FAMIGLIA.
      Mi raccomando ci conto.

      P.S. Se riesco ti faccio una sorpresa.............

      A Presto

      Elimina
  8. beh, come ho già scritto dalla mitica trappola, il dispiacere di non esserci stata è. triplicato quando ho visto le foto di questo piatto! Davvero fantastici,ragazzi cari. Sono davvero contenta della vostra bella amicizia.....del resto le belle persone fanno presto a legare tra loro. spero che questa settimana voli e che possa anch'io unirmi!
    a prestissimo
    Spery

    RispondiElimina
  9. A saperlo ...sarei accorsa anche io!!!!
    Ma che bello vedervi insieme e che bel piatto!!!!
    Una vera prelibatezza!!!
    PS: Mi potresti gentilmente consigliare dove posso
    acquistare carne del maiale nero casertano?
    Grazie , tanti cari saluti

    RispondiElimina
  10. Caro Pasquale, non cìè gioia più grande per chi ama la cucina, che far gustare agli altri le proprie preparazoni! Non avevo dubbi sulle tue capacità. Preparare per 250 persone non è cosa semplice ( ho avuto, in passato, diverse esperienze lavorative in ristoranti e so che significa)voi ve la siete cavata benissimo ed è giusto che ne siate orgogliosi! Sai che sono molto legato alla tradizione e non posso che essere contento che abbiate organizzato questa manifestazione. Di eccellenze, e non solo in questo settore, ne abbiamo tantissime in Campania e in tutto il sud ed è ora che vengano valorizzate. Il piatto che avete presentato, nella sua semplicità, è sublime, ma perde questa connotazione se non si usano gli ingredienti indicati!Spero, se organizzerete altri eventi, di poter essere tra i fortunati che assaggieranno le tue prelibatezze!!! Complimenti a te, ad Antonietta e a Valeria!

    RispondiElimina
  11. Ciao Pasquale,
    che un incontro bellissimo tra i blogger, piatto delizioso, tutte le
    perfetto!

    abbracci,
    Andrea

    RispondiElimina
  12. Ciao Pasquale, tu sei tornato e io parto ma sono contenta di averti potuto salutare, arrivederci a settembre!

    RispondiElimina
  13. ottimo piatto e bellissimo incontro:)

    RispondiElimina
  14. A saperlo...ci sarei venuta volentieri ...poi in qst periodo alla Valle di Maddaloni ci vengo spesso per prendere un po' d'aria fresca....il maialino nero poi dicono ke sia fenomenale, io non ho ancora avuto il piacere di provarlo ma ora mi hai incuriosito ancora di piu'...Lo provero' presto...Notte Pasqui

    RispondiElimina
  15. è un piacere scoprire il maiale nero casertano si parla sono di cinta senese, complimenti per i piatti e le due assistenti

    RispondiElimina
  16. Ma che bellissima iniziativa ...immagino la fatica ma anche l'emozione e la passione che tu e le splendide ragazze insieme a te avete trasmesso ai vostri piatti....capisco la richiesta di bis!!!!Meravigliosi questi ziti e quanto avrei voluto assaggiarli!!!!!!!!!!!
    Complimenti Pasquale sempre bravissimo!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  17. Splendido post,molto interessante e ricco di particolari.Ottima anche la ricetta ,complimenti!Una felice serata

    RispondiElimina
  18. Adoro la cucina campana!!!!!
    Siete stati bravissimi, immagino la fatica ma che grande soddisfazione!!!!
    Il piatto è una meraviglia, ne sogno il sapore!!!
    Un abbraccio e a presto!!!!!!!!

    RispondiElimina
  19. favolosi!!!!!!io mi sono aggiunta se ti va passa da me!

    RispondiElimina