Spaghetti della Vigilia


Ecco un altra ricetta della tradizione Natalizia, ritrovata  in  un vecchio quaderno appartenuto alla nonna di Maria Teresa che come ogni vigilia di Natale ripropone sulla sua tavola.Una ricetta dai sapori inediti e marcati  le cui origini vanno cercate verso la fine dell' '800.
Ingredienti:
3 pezzi di Capitone (300 gr circa)
1,5  kg di Lupini
1,5 lt di Salsa home Made
20 pinoli 40 gr di Uva passa
Olio extra vergine di Oliva 
Sale 
Prezzemolo
Procedimento :
In una pentola  fate dorare l'aglio nell'olio e unite la salsa  aggiungendo un bicchiere d'acqua,appena raggiunge il bollore riducete  al minimo la fiamma e fate cuocere il tutto lentamente.
Nel frattempo fate aprire i lupini 
 in una  padella con un bicchiere di acqua, fateli  raffreddare privandoli del guscio  e conservare l’acqua della cottura in un recipiente.
A questo punto man mano che il sugo si asciuga versare poco per volta l'acqua della cottura dei lupini , finché essa non si esaurisce.
Dieci minuti prima di  finire la cottura , calare il capitone nel sugo, aggiungendo l'uva passa, i pinoli e i lupini.
In una pentola con abbondante acqua cuocete i vermicelli  , scolateli al dente e saltateli  nella pentola con il sugo preparato aggiungendo prezzemolo tritato finemente e  terminando la cottura. Buon Appetito.

Share:

15 commenti

  1. Questa proprio riconoscevo! Bellissima idea per utilizzare il capitone!
    Buona giornata
    Spery
    Ps: prima o poi me la farete conoscere Maria Teresa!

    RispondiElimina
  2. Quell'uva passa e pinoli in un sugo sembra un tocco creativo degli anni moderni!
    Poi vedendo che è del secolo scorso, provo solo meraviglia e ammirazione!!!

    RispondiElimina
  3. Adesso che ho avuto l'onore di assaggiare lentue creazioni, mi posso solo inchinare di fronte cotanta bonta'!!!!!!anche noi facciamo gli spaghetti della vigilia ma...senza caoitone! (Qui e' pressocche' arduo trovarlo!!!mi consolo con questa immagine divina!!!!!!!! Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  4. 'e notte e 'e primma matina! Ma 'e vo' fa' murì ancora a chist! Dimenticavo che la dieta si comincia dopo l'Epifania! Grande come sempre, Pasquale!

    RispondiElimina
  5. ma sai che anche da me il capitone si cucina durante le feste ? è grasso ma che sapore.....buon 2013 !!!! ciao

    RispondiElimina
  6. L'aspetto è più che invitante...(come per tutto quello che prepari del resto), ma la parola capitone mi fa rabbrividire...sarà perchè i poveretti venivano in "vacanza" nella vasca da bagno di mia nonna ogni anno...ancora vivi...per poi finire arrostiti e/o impastellati sulla tavola di Natale...la cosa mi ha letteralmente traumatizzata...ahahahah
    Buon 2013...nel marasma delle feste ho dimenticato di lasciarti un saluto!

    RispondiElimina
  7. Una ricetta nuova per me, e soprattutto molto buona.
    Buon 2013.
    Un abbraccio
    alice

    RispondiElimina
  8. menomale che ho decisa di iniziare la dieta dopo l'Epifania...ogni volta che passo da qui non mi va più di andarmene,complici le delizie che prepari spesso...buon 2013,ti auguro di avere un nuovo anno all'altezza dei tuoi sogni:)

    RispondiElimina
  9. Ciao Pasquale, ancora tantissimi auguri anche a te! Buon we a presto (pasta sublime! le nonne avevano una marcia in più e non solo in cucina)

    RispondiElimina
  10. Mia madre mi raccontava sempre che sposina giovane giovane (non aveva 16 anni), le diedero un capitone da cucinare, vivo ovviamente... Questo si dimenava sotto il coperchio e e lei scappo' dalla cucina. Adesso non so quanta fantasia abbia mai messo nel racconto, fatto sta che a casa mia il capitone non lo ha più cucinato e lungi da me farli fare quella misera fine. Però la tua pastasciutta è stragoduriosa, come tu sempre ci proponi. Delicius! Buon 2013 Pasquale!!!!

    RispondiElimina
  11. Ringrazio di cuore la nonna Maria Teresa, gran donna doveva essere!
    baci
    Sandra

    RispondiElimina
  12. Ciao Pasquale,
    come ben sai le mie origini sono Napoletane Doc come la ricetta che hai egregiamente eseguito. Nonna Cristina ti avrebbe dato un 10 e tanto di Cappello da parte mia conosco benissimo questo piatto mia Nonna e la sua Famiglia ne andavano pazzi per loro O' Capitone era il Re della tavola Natalizia.
    Altri tempi e bei ricordi hai risvegliato in me.
    Grazie Pasquale sei sempre un Grande

    RispondiElimina
  13. A Napoli un Natale senza capitone non è Natale! Piatto eseguito, come al solito, in modo impeccabile!

    RispondiElimina
  14. Ciao Pasquale, buon proseguimento di settimana, a presto

    RispondiElimina