Come marinare il Salmone

 Finalmente inizia la vera estate , temperature in salita e tanta voglia di evadere dalle città.Oggi vi svelo un trucco per marinare il salmone .Quante volte avete provato a marinare il salmone con scarsi risultati??? Molle, insipido, troppo salato e impresentabile , rispetto magari quello mangiato al ristorante.Dopo anni di chi salmone ne ha marinato a quintali , finalmente ha deciso di svelarmi  l'enigma.Il segreto per un ottima marinatura del salmone sta nella quantità di sale che viene aggiunto all'aceto e al vino per marinarlo.Infatti la cottura-marinatura avviene proprio per merito di questo antico conservante che molte volte viene usto anche per cuocere i cibi, il sale.Esso fa cuocere e fa rimanere duro il salmone insieme anche all'aceto e al vino.In molte ricette per marinare il salmone troviamo che l'aceto viene mischiato con l'acqua, 1 a 1.Questa ricetta invece prevede che l'aceto venga mischiato con il vino bianco secco , dando il giusto equilibrio,alla fine non avremo come elemento predominante l'aceto.
Ogni pesce fresco inoltre , (sopratutto il pesce azzurro) prima di essere marinato o consumato crudo , deve essere abbattuto con l'abbattitore.L'abbattitore e' un potente refrigeratore che consente di portare la temperatura nel cuore di un prodotto  prodotto ittico a -20 ° C in pochissimi minuti.Questo procedimento ha il compito di  uccidere il parassita anisakis, facendo in modo che le proprietà del pesce rimangono praticamente identico al fresco.
Ingredienti:
400 g di salmone fresco abbattuto
250 ml di aceto
250 ml di vino bianco secco
2 cucchiai  rasi di sale 
Per il condimento:
Olio extra vergine di oliva 
prezzemolo
aglio pepe o peperoncino
Procedimento:
Il salmone va tagliato a fette sottili con l'apposito coltello per filettare il salmone.Coltello particolare con lama tagliente e incanalature a spazi nella lama.
In un contenitore ho mischiato il l'aceto e il vino ed ho sciolto i due cucchiai di sale.Ho messo nel contenitore il salmone, una fetta per volta e facendo attenzione che tutte le fette rimangono al di sotto del liquido.Ho messo a riposare il tutto in un luogo fresco, frigo in estate , temperatura ambiente inverno autunno, per 12- 18  ore.Trascorso le prime 6-7 ore ho girato su se stesso le fette di salmone, operazione questa che serve anche per staccare le fette che si sono attaccate tra loro.Trascorso il tempo per la marinatura ho messo ad asciugare il salmone in una colapasta per un intera notte (in frigo).
In un bicchiere abbastanza capiente , ho messo abbondante olio extra vergine di oliva, aglio a pezzetti, prezzemolo tritato e del pepe o se si preferisce peperoncino. In un piatto ovale ho adagiato  un primo strato di fettine di salmone, insaporendo con il preparato di olio extravergine di oliva, ho  proseguito questa preparazione fino ad esaurimento. Ho lasciato insaporire per 5-6 ore prima di consumarlo. Puo' essere conservato in frigo per 4-5 giorni senza problemi.In un bicchiere abbastanza capiente , ho messo abbondante olio extra vergine di oliva, aglio a pezzetti, prezzemolo tritato e del pepe o se si preferisce peperoncino. In un piatto ovale ho adagiato  un primo strato di fettine di salmone, insaporendo con il preparato di olio extravergine di oliva, ho  proseguito questa preparazione fino ad esaurimento. Ho lasciato insaporire per 5-6 ore prima di consumarlo. Puo' essere conservato in frigo per 4-5 giorni senza problemi.

Share:

4 commenti

  1. Ottima idea estiva, non ho mai provato. Sicuramente proverò con le tue indicazioni,
    ciao Su

    RispondiElimina
  2. Il salmone non fa parte delle mie corde, al di fuori della pasta (qualche volta) non l'ho mai cucinato. Marinato però mi incuriosisce.

    RispondiElimina
  3. si adatta molto bene ad essere preparato cosi il salmone abbattitore è importante se vuoi mangiare pesce crudo freschisimo

    RispondiElimina