Tagliatelle al Barbera con asparagi, pancetta di Maiale Nero Casertano

Mi hanno rubato il Tempo, ne vado in cerca ma sarà  difficile trovarlo, aiuto Franco. Questo è un piatto made in CE. Da pitture rivenute dagli scavi di Pompei ed Ercolano, è riscontrabile da testimonianza Romane che il Maiale Nero casertano veniva allevato nelle campagne di caserta già 2000 anni fa. L'eccellenza dell'alto casertano e' questo tipo di maiale, che diversamente dai quei maiali che crescono velocemente e con ingredienti economici, questo invece cresce allo stato semiselvatico, rendendo le sue carni dal sapore unico.
Ingredienti:
Tagliatelle al Barbera
Asparagi 
Pancetta di Maiale Nero
Pecorino Stagionato del Matese
Scalogno
Procedimento:
In una padella con l’olio extra vergine di oliva  fate soffriggere lo scalogno  a fuoco lento, unite la pancetta tagliata finemente e fatela rosolare per un paio di minuti, aggiungendo poi subito gli asparagi,  salate,  e fate cucinare per 10 minuti, a fuoco basso.  
Lessate le Tagliatelle al Barbera , scolateli e uniteli al composto aggiungendo del pecorino grattugiato del Matese.
Servire su Scaglioni di Pecorino e Buon Appetito. 

Share:

25 commenti

  1. Hummmm...voici un plat très appétissant, j'adore!

    RispondiElimina
  2. Complimenti Pasquale!!!!!! Ottima pasta davvero.....e immagino il sapore di quella pancetta...
    Sempre bravissimo!!!!!!
    A presto

    RispondiElimina
  3. Ti lascio solo il mio "STRASLURP"!!! chiama, chiama Franco!!! Poi però ti chiede "... e perché non me ne hai lasciato un piattone???" Io così ti direi!!! Abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E manco io posso dirglielo, cara Elly, perchè quel bravissimo mascalzone, mi chiama in causa solo dopo aver effettuato anche.... la scarpetta! Ma secondo te, le tagliatelle al Barbera, come le avrà impastate?Non per essere invadente, Elly, ma in quale zona romana sei? Io ci vengo spesso da quelle parti, perchè ho una figlia sposata a Villa Adriana di Tivoli e da quelle parti fanno un ottimo abbacchio....Ricambio l'abbraccio e buona giornata!

      Elimina
    2. Io sono diventata "burina" non abito più a Roma. Sono Cerveterana! E anche qui l'abbacchio è di casa, eccome se lo è! Un giorno, quando il mio fratellone lo rifarà al forno in giardino (quest'anno purtroppo pioveva a Pasqua... e si è fatto nel forno tradizionale a casa!) lo fotografo passo passo! Buon we e se ti va passa a trovarmi domani che ci stanno un piatto romano da leccarsi i baffi! (almeno io me li lecco... ne sono ghiotta!)

      Elimina
  4. Che spettacolo, il maialino nero casertano è fantastico....poveretto ;-)

    RispondiElimina
  5. Che esplosione di sapori campani!!!!!!Meravigliosooooooooo!!!!Conoco benissimo questi prodotti...e posso confermare l'eccellenza!!!un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. Bella questa, se non fosse per la mia dieta....

    RispondiElimina
  7. senza parole.....affonderei volentieri la forchetta, per gustarmele in silenzio....
    meritevole anche l'esaltazione dei prodotti del territorio!
    buona serata
    spery

    RispondiElimina
  8. ma che ricetta particolare! ho lasciato gli occhi incollati al monitor... immagino il profumo ed il sapore mmmm....

    RispondiElimina
  9. Hai usato due ingredienti che erano nella mia lista.
    Ma che,siamo in sintonia??? Nooo,è la nostra meravigliosa terra che ci ispira.

    RispondiElimina
  10. Dimenticavo....Il maiale nero casertano se lo sono presi in prestito gli spagnoli,dando vita al meraviglioso Pata Nera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione cara Antonietta. Era l'epoca in cui facevano il bello e cattivo tempo, gli spagnoli! Dicevano poi, che erano un regalo dei poveri contadini, vessati e sfruttati. Qualcuno fiuto' l'affare...mandandoli nella terra d'origine, chiamandolo con altro nome. Io conosco personalmente gli allevatori casertani, anche ottimi buongustai. E che dirti del lardo, col quale, oltre a conciarlo, mi fornisce un'ottima sugna che utilizzo tutto l'anno, in ogni modo. Quest'anno però, niente! Un caro saluto!

      Elimina
  11. Oh che meraviglia c'ho na fame,poi scopro il tuo blog ed è la fine!!! :D complimenti sono goduriosi solo a guardarli si capisce!!!ciao e buona giornata

    RispondiElimina
  12. Quante delizie ci dona la nostra meravigliosa terra! Un piatto davvero eccellente.

    RispondiElimina
  13. Questo piatto dovrei proprio venire a mangiarmelo da te. Dovremmo organizzare degli incontri per scambio di prodotti tipici. A presto un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Ciao!!!
    Questo piatto è formidabile!!! Mooolto invitante!
    Per la domanda che mi hai fatto per il contest, ti rispondo anche qui, certo che puoi partecipare con un piatto di pasta!!!
    E se vuoi, puoi partecipare con più ricette!!!Ci farebbe piacere!
    Allora ti aspettiamo!!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  15. se posso permetermi una ricetta a km zero

    RispondiElimina
  16. Ah!!! ..che meraviglia!!!!!
    E' sempre un piacere passare a trovarti!!!!
    Un abbraccio e felice we!!!!!

    RispondiElimina
  17. Grazie per le bellissime parole che hai lasciato al mio post!
    Intanto mi inviterei a mangiare un piatto così buono e squisito.
    Da buona campana anche io so apprezzare !!!!!!!1
    Tanti cari saluti

    RispondiElimina
  18. che dire di questo piatto meraviglioso?? baci danyxxx

    RispondiElimina
  19. Ciao, bellissimo il tuo blog!!!ti seguo!!! e mi segno la ricetta davvero invitante!

    RispondiElimina