Spaghetti allo Scarpariello, Paese che vai.........

.....................Scarpariello che trovi............
A volte si rimane sorpresi quando intervistano Chef  famosi, alla domanda qual'e' il tuo piatto preferito?????, la maggior parte di loro risponde sempre!!!! , Spaghetti con il pomodoro fresco. In estate al food-incontro a casa di Elio, proprio con lui mi sono divertito tanto a parlare dei piatti della tradizione. Ogni sua risposta aveva sempre un nesso logico, a differenza di quello che si legge nella maggior parte dei siti culinari...........
.............Arriviamo a parlare di Scarpariello e gli riporto quello che leggevo nei vari blog, ossia di sugo o ragù avanzato dalla domenica con l'aggiunta di formaggio regalato dai clienti dei calzolai.
Naturalmente questa storia stonava un po', che senso aveva chiamarlo cosi', visto che sul ragù della domenica gia' ci si metteva il formaggio?
Non era un piatto fotocopia della domenica?
A tutte queste mie perplessità Elio subito taglia la testa al Toro, Pasqua o scarpariell e chis....
Okkkkk Decido di fare questo scarpariello e manco a farla apposta, lo faccio lo stesso giorno che lo fa Spery, stessi ingredienti stessa pasta stesso olio stessi pomodori.....
Non e' possibile vero???????????
Telepatia culinaria......... 
Quindi la mia personale idea  e che lo scarparillo è sughetto semplice , a base di pomodori freschi, veniva preparato dai calzolai (scarpari) nei loro retrobottega , durante la breve pausa pranzo. Gli "scarpari" usavano arricchire questo intingolo con pezzi di formaggio, regalati dai clienti meno abbienti, che non potevano permettersi di pagare il conto. (cosi' suona meglio)
 Ingredienti 
1000 gr di pomodorini
1 spicchio di aglio
Olio Extra Vergine di Oliva Dante
Sale Gemma di Mare
Basilico abbondante
400 gr di spaghetti Verrigni trafilati in oro
Formaggio grattugiato Parmigiano e pecorino (facoltativo) 
In una pentola di alluminio , fate dorare l'aglio nell'olio,  , versare i pomodorini tagliati a metà, salare, aggiungere il basilico   e cuocere per pochissimo tempo 6-7 minuti.
In una pentola con abbondante acqua cuocete la pasta , scolatela al dente e saltatela nella pentola con il sugo preparato terminando la cottura.Dare sempre alla pasta il giusto riposo prima di servirla.
Buon Appetito

Share:

26 commenti

  1. Cose semplici e buone di una volta. Il sughetto è eccellente anche facendolo cuocere a lungo, aggiungendo, eventualmente qualche mestolino d'acqua.

    RispondiElimina
  2. Un piatto che sa di estate,che inesorabilmente ci sta salutando.
    Fresco, semplice e,ovviamente, buono.
    Come sempre sai interpretare i piatti della tradizione in maniera schietta e genuina tanto da far venire subito voglia di assaggiarne una forchettata nonostante l'ora!!!!

    RispondiElimina
  3. Lo faccio sempre anch'io così ma non sapevo di fare lo "scarpiello": allora tutto il mondo è paese?
    Grazie Pasquale per la ricetta storica!

    RispondiElimina
  4. La cucina italiana per eccellenza è racchiusa un questo piatto!
    Complimenti e buona giornata!

    RispondiElimina
  5. Un piatto della tradizione ancora molto in uso sia nelle case che nelle Trattorie a Napoli. Bellissima presentazione!

    RispondiElimina
  6. Ciao Pasquale,
    cucina italiana è meraviglioso, le ricette sono perfette con la pasta, salse di pomodoro lasciato l'acquolina in bocca di nessuno.
    Qui in Brasile tutte le entrate che ha massa prende il formaggio, è più calorico, hehehe, lol.
    Gli spaghetti è perfetto, la salsa ........ hummmmm .... deliziosa!

    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  7. Quì caschiamo proprio "ALLA GRANDE"
    Sarà anche il piatto più semplice ma
    è in assoluto il più gustoso!!!
    Buon WE

    RispondiElimina
  8. semplice si ma gustosissimo come tutti i piatti della tradizione...baci,buon fine settimana ^_^

    RispondiElimina
  9. Che delizia, che colori e che profumi!!!!!!!!
    Una meraviglia!!!!!! :)
    Un abbraccio e felice fine settimana!!!

    RispondiElimina
  10. Ma quanta tradizione e quante storie diverse si nascondono dietro un piatto
    Gustoso e sempre buono lo spaghetto con il pomodoro fresco ma chi sa perchè.... le tue preparazioni sono sempre uno stupore GIOIOSO per la mia gola!!!!!!!!!!!!!!!!
    Ciao Pasquale

    RispondiElimina
  11. E' proprio vero che più le cose sono semplici e più sono buone! Mi è piaciuto moltissimo il post della festa dell'uva, grazie per il reportage. Buon we Pasquale, ci sentiamo presto

    RispondiElimina
  12. Eh sì, telepatia culinaria!!!! mi credi se ti dico che proprio oggi li ho rifatti con gli ultimi pomodori, che mi erano avanzati da quelli che mi son portata su!!!!
    Sei un grande, come sempre!!!
    Mio padre sta già pensando a cosa ti deve preparare la prox volta!!!!
    A presto
    Spery

    RispondiElimina
  13. Semplici e profumate come piacciono me!


    Ti invito ad unirti al nostro nuovo blog appena nato: "Questione di lievito" e che parlerà solo del mondo dei lievitati...puoi inserire anche delle tue ricette se vorrai!! Passa a trovarci se ti va! Kiss.

    RispondiElimina
  14. haha, Pasquà! Scarpiello perché con questo sughetto ti fai certe "scarpette"!!! e così come suona???? Un abbraccio, e apresto!!

    RispondiElimina
  15. Strepitosiii......E' una ricetta che faccio spessissimo.. ne vanno matti a casa mia!!
    l'ho postata pure io!!
    Conosco la festa dell'uva...bella manifestazione!!
    Buona domenica!!

    RispondiElimina
  16. Da divorare come in un famoso film del grande Totò:Miseria e nobiltà :DD

    Un abbraccio....

    RispondiElimina
  17. Guarda per fortuna che ci sei tu, perché io ho sempre pensato che si chiamasse così perché quando finivi di mangiare la pasta, il sugo rimasto era così buono che con il pane facevi la scarpetta (raccogliendo tutto in deliziosi bocconi)...ora però mi sorge una domanda: ma perché si chiama scarpetta? vabbé comunque buoniiiiii!!!!!!!!

    RispondiElimina
  18. ciao carissimo,
    bella la tua rappresentazione dello Scarpariello, questo piatto oltre ad avere una storia antichissima è molto apprezzato dal popolo Campano e non solo, guiusta la tua osservazione sul ragù niente a che fare con lo scarpariello che trova la sua naturale bontà nel pomodorino fresco o del piennolo che tu conosci benissimo, allora cosa dire piatto riuscitissimo come sempre, le tue storie racchiudono in pieno la consapevolezza e la tradizione Campana.
    Ottimo Chef.
    a presto Guerino

    Aggiungerei che in casa di mio Padre stufi delle solite paste alle vongole di Natale, lo Scarpariello è stato ripescato a pieni voti come piatto della vigilia di natale, ovviamente con i pomodorini del piennolo.

    RispondiElimina
  19. E questi???? me li sono persi???????GIAMMAI!!!!!!Corro da te a deliziarmi..attendendo con la "bavetta" di gustare dal vivo i tuoi piatti..Pasquà..solo tu sai cucinare primi cosi!!!!!Non mi sono mica sbagliata a definirti il RE dei primi?????!!!!!:-) Grandioso!!!!Un abbraccio!!!!!

    RispondiElimina
  20. Grazie per il video e le notizie di Rita che mi hai mandato!! L'ho gradito molto!!

    RispondiElimina
  21. ...che buoni e cucinati divinamente...la foto quasi emama il profumo dei pomodorini freschi e del basilico!
    ...uno dei miei piatti preferiti!
    Complimenti e a presto!

    RispondiElimina
  22. Meravigliosi! il piatto "di sempre". Semplicità, gusto e aroma....tutto in pochi semplicissimi gesti!

    RispondiElimina