Stracotto al Negroamaro #QuidaNoiPuglia

Questo post è sconsigliato a chi crede che la carne rossa faccia male. Purtroppo la globalizzazione e i potenti della terra hanno portato all'involuzione delle tradizioni, spostando una gran fetta di pecoroni a consumi che fino a pochi decenni fa erano inimmaginabili. Tutti gli eccessi fanno male, abusare ripetutamente di una alimento porta danni anche permanenti al nostro organismo, questo vale per qualsiasi alimento e non solo per la carne.
“L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato, nel comunicato stampa N. 240 del 26/10/2015 della sua agenzia per i tumori, i risultati sulla cancerogenicità della carne lavorata e della carne rossa, basandosi sulla letteratura scientifica del campo, e ha classificato la carne lavorata come cancerogena per gli esseri umani, inserendola nel gruppo 1 degli agenti sicuramente cancerogeni per l’uomo (tra cui ad esempio il fumo del tabacco e l’amianto). La carne rossa è invece stata classificata come probabilmente cancerogena. Dopo alcuni giorni la stessa OMS ritrattato tutto dopo le polemiche dell'intero settore produttivo.
Perchè????  Vuoi vedere che l'allarmismo  potrebbe dipendere dal contestato TTIP ????...........  con cui verranno ampliate le possibilità per i prodotti made in USA di varcare la soglia del Vecchio Continente superando così agevolmente le restrizioni sanitarie imposte dall’UE sugli allevamenti e sulla produzione di alimenti. Chi è in grado di garantire la  salute pubblica?  Da dove provengono queste malattie ? #enumunnembruogl 
Io continuo a  mangiarla come ho sempre fatto, una volta a settimana senza esagerare. Questo spezzatino è stato inoltre cotto nel Negroamaro, fantastico vino delle terre di Puglia, conosciuto in uno dei Tour qui da Noi. Vino di punta della Cantina San Donaci (1933), una delle più antiche aziende dell'agro salentino, che per la sua continuità e per il suo forte radicamento al territorio ha dato un forte contributo alla storia agricola del Salice Salentino  diventando un autorevole punto di riferimento dell’enologia italiana.
Ingredienti :
500 g spezzatino 
2 bicchiere di vino rosso
2 cucchiai olio extravergine d'oliva
1 cucchiaino di zucchero di canna
15 Cipolline Borratane
5 Pomodorini 
1 bicchieri di acqua 
1 cucchiaino di peperoncino dolce
Procedimento:
Mettere sul fuoco un tegame con dell’olio extravergine d’oliva con l'aglio schiacciato, e appena inizia a soffriggere unite la carne. Lasciate che rosoli uniformemente per 3-4 minuti, poi irrorate con un bicchiere di vino Negramaro e fate evaporare a fiamma  sostenuta. Abbassare la fiamma e aggiungere la restante parte degli ingredienti, cipolle borratane, pomodorini, zucchero di canna, sale,un  bicchiere di acqua calda e uno di Negroamaro. Proseguire con una cottura lentissima, circa 90 minuti e comunque finchè la parte liquida non si asciughi del tutto.
Fate riposa per circa 30 minuti e servite accompagnato da una spolverata di peperoncino dolce.


Share:

8 commenti

  1. Per me questa ricetta è ottima! Io non ci credo che la carne rossa faccia male, se si consuma saltuariamente in dosi non elevate! Ciao, a presto

    RispondiElimina
  2. Come sempre ci vuole equilibrio! Nessun cibo è da demonizzare, ci vuole però moderazione, hai ragione. Non amo l'integralismo nella vita come nel cibo, e concordo in pieno con te Pasquale! Questo spezzatino ha una faccia bellissima e io lo mangerei di filato... una volta alla settimana ;)
    Un grande abbraccio Any

    RispondiElimina
  3. noi mangiamo di tutto un po' seguendo la dieta mediterranea, nella terra del barolo poi..vuoi che da brava piemontese non ami gli stracotti al vino rosso?

    RispondiElimina
  4. Scusami le cipolline borratane so trovano in scatola o fresche? Grazie

    RispondiElimina
  5. Ciao ho fatto lo stracotto. Il sapore è buonissimo ma mi è venuta un pò dura la carne. In cosa ho sbagliato? Grazie

    RispondiElimina
  6. Ciao Fabiola le cipolline si trovano anche fresche, riguardo la durezza credo sia dovuta anche ai tempi di cottura bassi.
    A presto !!

    RispondiElimina
  7. Grazie per la risposta. In che senso i tempi di cottura? Ho fatto cuocere per circa 60 minuti. Ma la carne va fatta rosolare a fuoco basso o alto? Coperta o non? Riproveró al più presto perché il sapore era molto buono

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il discorso è un pò ampio, la durezza della carne può dipendere anche da una bassa frollatura che ha subito la carne prima di essere venduta. Puoi rosolarla a fuoco normale e la cottura va fatta coperta. Il tempo di cottura è comunque indicativo, se rimane ancora dura prosegui la cottura aggiungendo altra acqua.
      A Presto !

      Elimina