Scialatielli al profumo di Mare

Gli Scialatielli
Gli scialatielli sono stati creati dallo chef amalfitano Enrico Cosentino, il quale, alla fine degli anni ’60 preparò l’impasto con farina, latte, pecorino, uovo, basilico, sale e pepe di mulinello. Gli diede, poi, la forma caratteristica. Gli scialatielli sono stati presentati per la prima volta ad un concorso di culinaria che valse allo Chef il premio “Entremetier” del 1978. Nati come pasta preparata a mano, gli scialatielli, oggi, sono venduti nella grande distribuzione sotto forma di pasta secca.Gli scialatielli vanno a nozze con i piatti di pesce o con i frutti di mare e sono il piatto forte della cucina amalfitana. Il termine dialettale “scialatielli” deriva dal verbo “sciglià” che nel dialetto napoletano ha il significato di “scompigliare”. In lingua italiana il verbo scompigliare, riferito ai capelli, significa “arruffare, mettere in disordine, scombinare”. E, in effetti, gli scialatielli, disposti fumanti sul piatto da portata, appaiono come una massa disordinata di pasta.
scialatielli
Ingredienti:
(15 persone)
1,5 Kg di Scialatielli
700 gr di Calamaretti
500 gr di Cicale di Mare
½ Peperoncino
5 Spicchi di Aglio
Prezzemolo macinato a Mezza Luna
Pepe macinato fresco.
olio extravergine d'oliva
1,5 Kg di Frutti di Mare(Vongole di Goro e Lupini)
500 gr di Cannolicchi di Mare
25 Pomodorini del Vesuvio
Sale

Procedimento:
Iniziamo con il pulire i Calamaretti per poi tagliarli ad anelli, le cicale di mare vanno tagliate con la forbice nella parte laterale per facilitare dopo la fuoriuscita della polpa.Aprire i frutti di mare compreso i Cannolicchi  in padella con un bicchiere di acqua, conservare l’acqua della cottura in un recipiente tenuto da parte.Sbollentare i Pomodorini per 2-3 minuti e privarli della pellicina.
Tritate finemente l’aglio e il prezzemolo con la Mezza Luna e fateli soffriggere in olio con il peperoncino, aggiungere come da foto le cicale, i calamaretti e i pomodorini mettendoli sezionati nella padella  a fuoco vivace.
scialatielli allo scoglio
Dopo tre minuti fai scorrere fino alla cottura a fuoco lento.Non aggiungere il vino, se c’è né bisogno aggiungi acqua tiepida quanto basta.
vongole cozze lupini
A fine cottura, spegnere la fiamma e aggiungere i frutti di mare e i cannolicchi più l’acqua che li conteneva che abbiamo messo da parte nel recipiente.Quando manca una tre minuti alla cottura degli scialatielli  farli saltare nel preparato effettuato in padella per i minuti restanti.Fare riposare il tutto per tre quattro minuti e versare il tutto  in un piatto grande e la guarnisci con i frutti di mare e cannolicchi e aggiungi pepe macinato fresco e prezzemolo.
scialatielli allo scoglio

Share:

2 commenti