Candele di Sant'Antonio.

Auguri di buon onomastico a tutti gli amici con il nome Antonio e simili. Sanr'Antonio  si impegnò nella tutela dei diritti umani e della dignità delle persone. L’unica legge a cui Antonio fa interamente credito è la legge divinasolo questa è la norma fondamentale della prassi, capace di portare l’uomo alla vera giustizia.
Antonio da Padova un vero esempio di Vita.......
Ingredienti:
Candele 
Melanzana
 Bruschetta di ciliegino Agromonte
Salsa di ciliegino Agromonte
Mozzarella di Bufala Dop
Olio di semi 
Basilico
Procedimento:
Cuocere le candele in abbondante acqua salata , scolarle e farle raffreddare. Nel frattempo cuocere le melanzane tagliate a fette in abbondante olio di semi, avendole prima passate nella farina. . 
A questo punto abbiamo tutti gli ingredienti pronti per assemblare queste candele , sono stato indubbiamente aiutato in questa realizzazione di questo piatto dai fantastici sughi Agromonte. Sulla fetta di melanzana fritta ho spalmato la bruschetta di ciliegino Agromonte, poi ho adagiato su di esse le candele, che ho ripieno con salsa di ciliegino Agromonte e mozzarella di bufala. Ancora del sugo di ciliegino sopra le candele, con finitura di mozzarella di bufala e basilico. Far unire le due estremità della melanzana, adagiandosi sopra una fetta di mozzarella che andrà a sigillare il tutto. Mettere nel forno per 10 minuti a 200° e servire l'involtino di candele sulla crema di salsa di ciliegino Agromonte, con del basilico fresco. 
Buon Appetito

Share:

28 commenti

  1. Wow è bellissimo questo piatto , lo mangerei anche a quest'ora ci sono tutti ingredienti che amo.
    Complimenti non ti smentisci mai!!!

    RispondiElimina
  2. Wouw!!! quelle délice si ben presenter impossible ne pas aimer!

    Bisous

    RispondiElimina
  3. Ma come si fa a resistere ad un piatto così buono?
    Complimenti
    Audrey

    RispondiElimina
  4. Buongiorno Pasquale, ho cercato di prenderli con la forchetta, ma ho graffiato tutto il monitor, una golosità indescrivibile, li devo proprio fare, a presto sei sempre eccezionale.

    RispondiElimina
  5. Ciao Pasquale, non è che ti avanza una candela? Da me va spesso via la luce e così.... una meraviglia come sempre!

    RispondiElimina
  6. Questi involtini sono strepitosi, quel ripieno che fa capolino dalle candele mi fa una gola....è sempre un piacere passare di qua!

    RispondiElimina
  7. Mamma mia, una pasta meravigliosa solo a vederla viene una gran fame

    RispondiElimina
  8. Ciao Pasquale
    ancora una volta un piatto fantastico, bella l'idea e ottima la prefazione.
    Bravo Re dei Primi.
    ciao Guerino

    RispondiElimina
  9. Bellissimo omaggio a Sant'Antonio, la ricetta è perfetta!
    baci

    RispondiElimina
  10. E' vero..Sant'Antonio è stato un vero esempio di vita ma tu mio caro sei un vero esempio di eccellenza!!!Che piatto spettacolare!!!Un ripieno che fa gola solo a vedersi..non oso immaginare ad assaporarlo!!!! Mi unisco ai tuoi auguri, specie alla tua dolce bimba Tonia!!!!Un abbraccio!

    RispondiElimina
  11. Il titolo è geniale, il piatto sublime...complimenti a te e alla tua cucina! ;)

    ciao loredana

    RispondiElimina
  12. ma che bontà, le candele che colano sono invitantissime, baci

    RispondiElimina
  13. Un piatto stupendo!!!! Complimenti!!!!!

    RispondiElimina
  14. Grazie per gli auguri e per questo bel piatto!
    Che dirti???Sono senza parole!!!!
    Ti stai dimostrando un caro amico,cogliendo i bisogni e donando attenzioni.
    Grazie ancora,di cuore.

    RispondiElimina
  15. Devotissima a Sant'Antonio, le mie origini sono padovane!!!
    Il piatto è spettacolare, ma sono preparata, quando passo da te, trovo solo meraviglie!!!
    Un abbraccio e a presto!!!!

    RispondiElimina
  16. Che piattino Pasquale, ma queste candele non le conoscevo, è una pasta tipica di che regione e secondo te si trovano anche qui dalle mie parti? Un abbraccio a presto

    RispondiElimina
  17. una pasta assolutamente gustosa e invitante, ho cliccato sulla foto per vederla ingrandita e gustarmela tuttaaaaaaaaaaaaaaaaaa, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  18. ciao!! questa pasta è assolutamente sublime!! mi hai conquistato già con il primo post..ma poi scendo vedo le freselle, pasta peperoni e salmone.. wooow!! mi segno tra i tuoi followers per continuare a seguirti.. passa anche da me, mi farebbe piacere.. a presto..baci

    RispondiElimina
  19. che buono, proprio invitante, non c'è niente da fare sei proprio geniale :)

    RispondiElimina
  20. Ma che bellissimo omaggio hai fatto a S. Antonio caro Pasquale
    ne sarà felice...perchè la cucina è anche questo...... allegria e creatività
    e poi sempre..... un'omaggio alla vita,ai suoi colori
    Un primo piatto che davvero assomiglia ad un quadro
    Complimenti!!!!!!!

    RispondiElimina
  21. non conoscevo questo primo ma sicuramente particolarissimo

    RispondiElimina
  22. Che bel piatto,da brava napoletana non posso che applaudirti......Poi mi hai fatto ricordare il piatto della domenica della mia infanzia con un po di nostalgia e tanti ricordi....

    RispondiElimina
  23. questo si che è un piatto ricco e gustoso, soprattutto mediterraneo!!
    un saluto

    RispondiElimina
  24. Ciao Pasquale, grazie dell'informazione, provo a cercarle, se poi faccio una ricetta la troverai. Un abbraccio

    RispondiElimina
  25. ancora una volta, grazie! grazie perchè attraverso le immagini riesci a portare in casa mia, i profumi e le tradizioni di una terra che mi manca tanto!
    buona serata
    spery
    ps: anch'io non vedo l'ora di scattare la foto! La settimana prox dovrei sapere qualcosa in più sui miei spostamenti estivi e poi mando un messaggio sia a te che ad antonietta per accordarci!

    RispondiElimina