La Cottura Su Pietra Lavica


La cottura su pietra lavica e’ sicuramente la migliore fra tutte le altre provate finora, non c’e’ paragone tra la cottura alla brace(carbone) e quella su pietra, quest’ultima oltre ad essere salutare ha la caratteristica di esaltare i sapori dei cibi.
La pietra lavica e’ricavata da antiche colate laviche, risulta assolutamente pura come il vetro di categoria A, con assoluta assenza di piombo. La piastra non emette sostanze nocive.
I cibi cuociono senza l’uso di condimenti. I grassi disciolti durante la cottura vengono posti fuori dal contatto dell’alimento, evitando così la formazione del benzopirene.Non si formano sostanze estranee nell’alimento per cui non ne altera i sapori. Non produce fumi anche cuocendo alimenti particolarmente grassi. La cottura avviene per assorbimento di calore uniforme, pertanto conserva il valore nutritivo e vitaminico dei cibi.
Non richiede l'uso di grassi durante la cottura.
Quando la pietra è ben calda, iniziare la cottura, evitare sbalzi di temperatura, non versare acqua fredda sulla pietra altrimenti si lesionerà di sicuro. Consiglio di usare la pietra lavica sui fornelloni a Gas perchè ha bisogno di molto calore .
Per la pulizia, si consiglia di raschiare con retina di ferro con solo acqua (se calda e’ meglio) , poi una volta riscaldata  ungere su un panno un po’ di aceto e passarla sulla pietra’ finchè il panno resta pulito. Non usare assolutamente detersivi qualunque genere, perché rimarrà impregnato nella pietra.
Per il primo utilizzo, pulire bene con una spugna la superficie di cottura e lasciare asciugare,cospargere la pietra di olio extravergine di oliva e lasciare impregnare per 2 ore circa. In questo modo la pietra si assesterà. Successivamente non sarà più necessario ungerla.
Durante questa descrizione abbiamo incontrato il termine benzopirene, ma cosa significa?
I Benzopirene sono idrocarburi della serie aromatica che possono formarsi nella combustione del legname.
Cuocendo alla brace carne, pesce, anche verdure, si formano sostanze cancerogene  come appunto gli idrocarburo aromatici (benzopirene), ma anche amine eterocicliche quest’ultime responsabili di tumori multipli al polmone, fegato, intestino in animali da esperimento. Con temperature molto alte, 800°C, si alterano le componenti organiche dell’alimento e si producono anche alterazioni delle sostanze grasse, con formazione di radicali liberi, notoriamente responsabili di danno e invecchiamento.
USARE SEMPRE LA PIETRA LAVICA PER TUTTO QUELLO CHE SI PUO’ ARROSTIRE, NE GIOVA IL PALATO E LA SALUTE.




Share:

5 commenti

  1. Con questo post mi hai invogliata a procurarmi la pietra lavica,se come dici tu oltre ad essere salutare valorizza il sapore dei cibi.

    RispondiElimina
  2. Le foto sono così eloquenti che viene veramente voglia di provare questa pietra lavica. Domandona: si può usare con un supporto sopra la brace o fuoco del barbecue o bisogna avere il fornellone a gas? grazie per questo bel post, così dettagliato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Frany ottima la tua osservazione, puo' andare anche sulla brace o fuoco del barbecue ,importante e non usarla su cucine domestiche.
      A Presto

      Elimina
  3. Le mie prime melanzane su pietra lavica sono un piccolo successo e tanta soddisfazione, ma ho bisogno di un vostro consiglio: come fare per non "lessare" la carne?
    Grazie per l'aiuto che potrete darmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Barbara, la soluzione per non far lessare la carne e' quella di portare a temperatura alta la pietra;cosa che non puoi fare con la cucina domestica.Puoi usare un fornellone oppure questa soluzione :https://www.facebook.com/media/set/?set=a.4944573582169.2193563.1533656377&type=1&l=e15c7d3194.
      Grazie a te e a presto..

      Elimina