Aglio Rosso di Nubia: Spaghetti Aglio e Olio (Aglio e Uoglie)



Che cucina sarebbe senza Aglio???
A me personalmente piace tanto e nella nella cucina Mediterranea e nelle preparazioni a base di mare, non può mancare , il suo aroma così penetrante e il suo sapore forte lo rendono capace di trasformare le pietanze.Non sto qui ad elencare le proprietà benefiche che sono molteplici ed immaginabili ma voglio soffermarmi su una qualità di aglio che a me e piaciuta più delle altre, naturalmente per i miei gusti; L'aglio Rosso di Nubia.
Nubia e' una frazione del comune di Paceco in provincia di Trapani incastrata nella Riserva naturale integrale Saline di Trapani e di Paceco , ed e' proprio li che si coltiva quest'aglio da sapore e odore inconfondibile.Un piccolo particolare, le origini dell'aglio si perdono nella notte dei tempi, pero' nella Siberia sud-occidentale,  in Sicilia ed in Calabria,  cresce ancora spontaneamente spontaneamente, non e' il caso dell' Aglio rosso di Nubia.
La Sicilia ci offre sempre ingredienti eccellenti, e due anni fa quando mi trovai in quella riserva, ho avuto la fortuna di osservare tutto il corso della natura in uno scenario paradisiaco, dall'aglio alle splendide saline.Tornando all'aglio rosso di Nubia, il suo sapore e' particolarmente intenso, grazie al suo contenuto di allicina che è il suo principio attico, nettamente superiore alla media rispetto alle altre qualità di aglio.Questa sostanza non si riscontra nel bulbo integro ma si forma quando gli spicchi che lo costituiscono - detti bulbilli - vengono tagliati.o triturati.Il suo colore è rosso porpora delle tuniche dei suoi bulbi, viene coltivato in terreni asciutti e argillosi nella Riserva Naturale integrale Saline di Trapani, e forse e' proprio l'incontro con il sale che lo rende unico nel sapore.Viene seminato da dicembre a gennaio e viene raccolto tra maggio e giugno.L'altra particolarità sta nell'estetica, l'intrecciatura dei bulbi per formare la tradizionale  "Trizza" avviene manualmente.

   Spaghetti Aglio e Olio (Aglio e Uoglie)
Gli  spaghetti aglio e olio è una ricetta di origine napoletana, un tempo erano anche conosciuto come  gli spaghetti alla borbonica.Personalmente in eta' più giovane e quando si era in vacanza con amici, gli spaghetti aglio e olio era il piatto più richiesto e si degustava anche di notte dopo essere rientrati dalla discoteca, a quell'ora aveva un sapore e un gusto più  forte.Chissà perché ???????????
Ingredienti
200 gr di Spaghetti
2 spicchi d’aglio rosso di Nubia
1/2 bicchiere d’olio extravergine d’oliva
Prezzemolo
Peperoncino
Sale Gemma di Mare 

Procedimento:
In una padella ho messo l'olio extra vergine di oliva  e lo spicchio d'aglio schiacciato.La procedura di soffritto e' durata per il tempo di cottura della pasta , più lenta e' questa operazione maggiore sarà l'aroma che l'aglio rilascia nell'olio extra vergine di oliva. L'aglio non deve dorare ma deve cuocersi lentamente, quindi ho messo la padella sul fornello del caffè a fuoco lentissimo.Questa procedura e' durata quindici minuti, tempo il quale ho fatto cuocere la pasta in abbondante acqua salta , l'ho scolata 4 minuti prima della prevista cottura e l'ho saltata in padella con aglio e olio aggiungendo un mestolo di acqua di cottura.Il giusto riposo e buon appetito.
L'aglio non va buttato ma mangiato su un bel tocchetto di pane.

Share:

12 commenti

  1. Non avrei certo la pazienza di aspettare 15 minuti per far si che l'aglio sprigioni tutto il suo aroma;ho una sorta di "arteteca" in cucina e solo un campano può sapere cosa sia.
    Ma mi intriga tanto questo procedimento;quindi mi esercito a recitare un bel mantra e via a preparare quest'ennesima delizia della nostra comune terra.
    Ho avuto il grande piacere di provare anche io l'aglio rosso di Nubia e sinceramente devo riconoscere i suoi aromi davvero particolari.
    Una cosa detta in modo del tutto confidenziale;dopo averlo soffritto l'ho mangiato anche io su un crostino di pane:chissà che effetti avrà avuto sugli altri!?!?

    RispondiElimina
  2. ecco il trucco da artista: far cuocere l'aglio per 15 minuti... ma com'è che tu mi insegni sempre qualcosa di nuovo eppur semplice e meraviglioso?
    un abbraccio!
    Sandra

    RispondiElimina
  3. questo aglio lo conosco anche io, corca 10 gg fa incuriosita dal colore l'ho portato a casa e mi piace motissimo. però la tua pasta aglio e olio deve essere meravigliosa, io l'ho sempre fatta a fuoco vivace e adesso cambio idea mi sà

    RispondiElimina
  4. Anch'io utilizzo tantissimo l'aglio!!!
    Come Sandra, ho scoperto il tuo metodo mooooolto interessante!! Non vedo l'ora di provare!!!
    Un abbraccio!!!!

    RispondiElimina
  5. splendida ricetta, la cottura dell'aglio a fuoco lento permette di estrarne gli aromi e rilasciarli all'olio.

    RispondiElimina
  6. ogni venerdi nel mio paese si organizza il Mercatino del Contadino,vengono persone da quasi tutte le parti della Sicilia e vendono i loro prodotti del territorio...è proprio il venerdi scorso ho comprato questo aglio che io utilizzo tantissimo...grazie per aver condiviso con noi questo importantissimo post:)

    RispondiElimina
  7. l'aglio non lo mangio ma lo adoro in qualsiasi piatto!!! anche su una fetta di pane tostato e con un filo d'olio ;)
    spaghetti aglio, olio e peperoncino poi...mi "garbano" troppo!!!!
    ciao carissimo!

    RispondiElimina
  8. ciao mitico, come sempre la classe non è acqua e anche un semplice spaghetto aglio e olio richiede una certa manualità in cucina, perchè basta poco per alterare il gusto bruciando l'aglio ma questo non è il tuo caso Mitico e poi hai usato un Signore Aglio.
    Complimenti come sempre Pasquale-
    Ciao Guerino

    RispondiElimina
  9. Si fa presto a dire : facciamo due spaghetti aglio e olio...come sempre tu sei insuperabile!! Complimenti Pasquale.

    RispondiElimina
  10. Anche io amo gli spaghetti aglio e olio...ed è proprio vero che dopo mezzanotte sono molto più buoni!
    Mi piace molto il tuo blog e mi sono unita ai tuoi lettori. Vieni a trovarmi.
    A presto
    Barbara
    (http://dillo-cucinando.blogspot.it/)

    RispondiElimina
  11. Un mito intramontabile....certo che noi stomaci partenopei siamo proprio diversi, anche nei miei ricordi è sempre stato il pasto del "dopo mezzanotte" e mo chi ce la farebbe?
    Un bacio

    RispondiElimina
  12. ahahah
    quanto hai ragione!!!!! Viva l'aglio!!!!!!

    RispondiElimina