Acquacotta Toscana

Dopo il grande successo del 2013 dello scambio di ricette tra regioni, quest'anno tutti insieme abbiamo deciso di riproporlo.Alla campania è stata abbinata la  toscana, regione di grandi tradizioni gastronomiche.E' l'ultima uscita di questo 2014 dell''italia nel piatto, la rubrica che promuove i piatti tradizionali di tutte le regioni della penisola.Dal Blog di Giovanna http://acquacottaf.blogspot.it , sono stato colpito dall'acquacotta di nonna Caterina, che non ho citato nel titolo per rispetto dei sentimenti e della  tradizione che ritengo strettamente personali.La trasmissione di notizie, memorie e testimonianze appartengono all'autrice del post, io non ho fatto altro di eseguire la ricetta cosi' come riportata nel suo post.Il risultato è stato eccezionale, profumi e sapori di un tempo racchiusi in questo piatto che non ha nulla da invidiare a quelli con ingredienti pregiati.Personalmente amo i piatti poveri per il loro gusto verace e della tradizione, per questo la mia scelta è caduta sull'acquacotta.
Ingredienti :
100 g Olio Extra vergine di Oliva 
300 g Cipolle 
125 g Sedano 
125 g Patate a Fette 
125 g Carote
150 Pomodori 
800 g Bietole
Pecorino
Pane abbastanza raffermo 
1 litro di Acqua 
sale qb
Procedimento:
In una  casseruola , ho fatto un soffritto con olio, aglio, cipolle sedano, patate e un po di sale,ho poi aggiunto i pomodori e bietole a pezzi e li ho fatto insaporire.Ho versato il litro di acqua, ho salato e ho fatto cuocere l'acquacotta per circa  45 minuti. Il tutto deve rimanere  abbastanza liquido per poter cuocere nella minestra un uovo per commensale.Quindi ho aggiunto le uova all'acquacotta poco prima di servirla a tavola, mettendole direttamente nella pentola di cottura una ad una, per farle in camicia  e facendo attenzione che non si rompano.In ogni tegamino di coccio do disposto due fette di pane abbastanza raffermo e su di esse ho versato la minestra con al centro l'uovo e una spolverata di pecorino. Ho fatto riposare per 5 minuti in modo che il brodo inzuppi bene il pane raffermo e ho servito.Da oggi questo piatto rientra nella mia cucina , buonissimo e grazie a nonna Caterina.
Ti regalo una ricetta - (scambio di ricette tra regioni)

Share:

16 commenti

  1. La Toscana è una gran regione e....è stata molto fortunata a trovare te che hai reso in modo perfetto ed incredibile questa ricetta!Grande!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Come mi è piaciuto questo scambio di ricette... un piatto meraviglioso, complimenti!

    RispondiElimina
  3. Complimenti! Ogni ricetta nelle tue mani è un sicuro successo!

    RispondiElimina
  4. bellissimo questo scambio di ricette e deliziosa la tua ricetta :)

    RispondiElimina
  5. Ottima scelta, Pasquale, e ottima interpretazione! Buonissime feste a te e alla tua famiglia, un abbraccio grandissimo:)))

    RispondiElimina
  6. Pasquale, un grandissimo grazie e due parole sole: sono commossa!

    RispondiElimina
  7. Bellissima anche questa ricetta, un gustoso piatto caldo e corroborante, complimenti!!!!

    RispondiElimina
  8. Un piatto dalla semplicità unica e da un sapore ineguagliabile. Non finirò mai di ringraziarti, Caro Pasquale, per avermi coinvolta in questa bellissima avventura.

    RispondiElimina
  9. Gli ingredienti fanno di questo piatto povero una pietanza da re.
    La tua sapiente mano aggiunge il tocco in più.

    Buone feste

    RispondiElimina
  10. adoro le zuppe, ti rubo l'acquacotta che di "acquoso" ha solo il nome!!!
    Buone feste

    RispondiElimina
  11. Hanno detto che il vero freddo alle porte... ora sono pronto ad accoglierlo!

    RispondiElimina
  12. Wow Pasquale, complimenti!!!! Hai cucinato IL piatto tipico toscano per eccellenza!!!!! Bravissimo!!!!

    RispondiElimina
  13. questo piatto racchiude tutti i profumi e sapori di una volta, sono i piatti che adoro e cheriscaldano anima e corpo! bravissimo come sempre!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  14. be adesso mi hai incuriosito...devo assolutamente provarci!!! intanto che le temperature lo consentono! un bacione!

    RispondiElimina
  15. Mi sa che rubo ulteriormente la ricetta, ma con il cavolo nero...che continuo a comprare e poi lascio giacere in frigorifero! Auguri cri

    RispondiElimina