DOLCI REGALI- perchè non c'è due senza tre

Ormai tutti conoscono l'Mtchallenge, la scuola di cucina autodidatta, dove ogni mese c'e' una sfida con un tema prestabilito dettata dal vincitore del mese precedente.Tutte le regole per la partecipazione le potete trovare in questo post mtchallenge .Le ideatrici di questo gioco sono riuscite in questi mesi ad ideare ed organizzare insieme all'editor ed editore  la pubblicazione di varie uscite.Dopo l'uscita dei libri L'ora del Patè e Insalata Tiffany,  l'Mtchallenge si arricchisce di un altra uscita, Dolci Regali.Una raccolta di dolci di varie uscite , con un impronta più calcata sul babà e quello che gli ruota attorno , vale a dire quegli impasti lievitati che si chiamano brioche, kugelhupf, savarin e trecce.Ci sono poi dolci poveri, quelli legati alle feste come pani dolci, graffe e i krapfen e poi le bagne e le creme , le marmellate , liquore , acque profumate tutte legate all'uscita del babà.
Troverete all'interno  la mia ricetta sulla crema di pastiera scomposta :Babà alla strega con crema di pastiera

UNA CAUSA GIUSTA 
Acquistando una copia di Insalata da Tiffany, contribuirai alla creazione di borse di studio per i ragazzi di Piazza dei Mestieri (link: http://www.piazzadeimestieri.it/), un progetto rivolto ai giovani oggetto della dispersione scolastica e che si propone di insegnare loro gli antichi mestieri di un tempo, in uno spazio che ricrea l'atmosfera di una vecchia piazza, con le botteghe di una volta- dal ciabattino, al sarto, al mastro birraio e, ovviamente, anche al cuoco. La Piazza dei Mestieri si ispira dichiaratamente a ricreare il clima delle piazze di una volta, dove persone, arti e mestieri si incontravano e, con un processo di osmosi culturale, si trasferivano vicendevolmente conoscenze e abilità: la centralità del progetto è ovviamente rivolta ai ragazzi che trovano in questa Piazza un punto di aggregazione che fonde i contenuti educativi con uno sguardo positivo e fiducioso nei confronti della  realtà, derivato proprio dall’apprendimento al lavoro, dal modo di usare il proprio tempo libero alla valorizzazione dei propri talenti anche attraverso l’introduzione all’arte, alla musica e al gusto.                                                                                   

Share:

1 commenti